Italia markets close in 6 hours 41 minutes

Russia, attacco a sede dei servizi segreti: "E' attentato terroristico"

Le prime immagini dal luogo dove è avvenuta la sparatoria (Instagram Mediazona)

La sede dei servizi segreti russi a Mosca, è stata oggetto di un "attentato terroristico": lo hanno reso noto le autorità russe, senza che al momento vi sia però chiarezza sulla dinamica dell'attacco.

A differenza di quanto riportato dall'Fsb (Servizio di Sicurezza Federale) che in un primo momento aveva parlato di tre assalitori, i servizi segreti hanno rettificato precisando a Tass, Interfax e Ria Novosti che l'attentatore "ha agito da solo".

Il bilancio della sparatoria è di due morti e cinque feriti. Oltre all'assalitore è deceduto anche un vigile urbano in servizio di fronte all'entrata dell'edificio sede dei servi segreti russi.

L'attacco è stato compiuto nel giorno della conferenza di fine anno del presidente russo Vladimir Putin.

Secondo i media russi il killer sarebbe Evgeni Manyurov, un 39enne residente in una città vicino Mosca. L’attentatore era laureato in giurisprudenza e aveva lavorato come guardia di sicurezza in una società privata. Viveva a Podolsk, circa 40 chilometri a sud della capitale. Numerosi canali del servizio di messaggistica di Telegram hanno pubblicato una foto dell’uomo da morto, barbuto e con gli occhiali con la faccia insanguinata.

Il tabloid Komsomolskaya Pravda e il canale televisivo Ren hanno riferito, citando un inquirente, che il presunto aggressore aveva un arsenale di sette pistole che possedeva legalmente.

GUARDA ANCHE - Mosca, sparatoria all’interno della sede dell’FBI