Italia markets open in 41 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    30.267,63
    +628,23 (+2,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1740
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    37.856,13
    +196,41 (+0,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.109,28
    +0,36 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    24.476,38
    -34,60 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

Sace: “Ritorno al futuro”, rimbalzo export +11,3% nel 2021

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 set. (askanews) - Il 2021 si conferma come un anno di transizione caratterizzato da un forte rimbalzo dell'economia globale che, seppur con velocità variabili nei diversi mercati di destinazione, apre importanti opportunità per l'export italiano che torna così su quel sentiero di crescita interrotto dalla profonda recessione dello scorso anno. Nel 2021 e negli anni successivi, infatti, l'export del Made in Italy vivrà una ripresa "a macchia di leopardo" con una crescita rapida in alcuni mercati, di mero recupero del terreno "perso" nella crisi in altri e di risalita più lenta in altri ancora: l'export registrerà un +11,3% nel 2021. E' quanto emerge dal Rapporto Export 2021 dell'Ufficio Studi di SACE e dal titolo "Ritorno al futuro: anatomia di una ripresa post-pandemica", tradizionale appuntamento giunto alla sua XV edizione e bussola per l'export italiano nel mondo, presentato oggi online su piattaforma SKY.

"L'export italiano è tornato a crescere dopo l'interruzione della crisi pandemica. - ha dichiarato Alessandro Terzulli, Chief Economist di SACE - Stiamo parlando di un vero e proprio 'Ritorno al futuro', da qui il nome della XV edizione del Rapporto Export di SACE, che si propone come una guida per le imprese che devono riformulare le proprie strategie e piani commerciali all'estero nella lettura di questo scenario complesso. L'estrema eterogeneità di questa ripresa non è semplice da decifrare e occorrono, oggi più che mai, chiare coordinate delle opportunità sia a livello settoriale che geografico".

Il generale miglioramento delle prospettive macroeconomiche si riflette in una minore incertezza generale e, secondo le stime di Oxford Economics, il PIL globale è atteso avanzare di circa il 6% nel 2021, recuperando la contrazione del 2020. Dal 2022, il sentiero di crescita è previsto stabilizzarsi su ritmi più contenuti. In questo contesto, SACE stima un rimbalzo dell'11,3% delle esportazioni italiane di beni in valore, che permetterà già nel 2021 un pieno ritorno ai livelli pre-pandemia. Le vendite di beni Made in Italy raggiungeranno, infatti, quota 482 miliardi di euro, per poi continuare ad aumentare del 5,4% nel 2022 e assestarsi su una crescita del 4%, in media, nel biennio successivo. Tale ritmo, superiore di quasi un punto percentuale al tasso medio pre-crisi (+3,1%, in media annua, tra 2012 e 2019), consentirà di raggiungere nel 2024 il valore di 550 miliardi di euro di esportazioni di beni".

"Questa considerevole performance sarà raggiunta anche grazie agli ingenti programmi di ripresa (come il Next Generation EU in Ue e il piano infrastrutturale negli Usa) che genereranno una domanda aggiuntiva - ha spiegato - Quanto all'export italiano di servizi, maggiormente colpito dalle misure restrittive legate alla pandemia con impatto negativo soprattutto sul turismo, è atteso un recupero solo parziale nel 2021 (+5,1%). La vera e propria ripresa avverrà nel 2022 quando l'export di servizi tornerà ai livelli del 2019, grazie a un incremento del 35,1%. La crescita proseguirà anche nel biennio successivo a un ritmo medio del 5%, toccando i 120 miliardi di euro alla fine dell'orizzonte di previsione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli