Saipem lancia profit warning

Notizie molto negative per gli azionisti di Saipem . Il fornitore di servizi per l'industria petrolifera ha annunciato di aver rivisto al ribasso le previsioni sugli utili del 2012 e sui ricavi e profitti del 2013. Saipem indica in una nota che la revisione è stata effettuata a seguito di un approfondito esame dell’andamento dei contratti e delle prospettive del gruppo condotto da Umberto Vergine, nuovo CEO, e da Giuseppe Caselli, nuovo COO della business unit E&C . Saipem si attende ora per il 2012 un Ebit nell’intorno di €1,5 miliardi, circa 6% inferiore a quanto precedentemente annunciato, e un utile netto di circa €900 milioni. Saipem spiega che le negoziazioni su variazioni contrattuali nel business E&C dovrebbero concludersi con esiti inferiori alle previsioni e che le attività E&C hanno rallentato rispetto alle attese durante l’ultimo trimestre. Per il 2013 Saipem prevede ricavi di circa €13,5 miliardi, un Ebit di circa €750 milioni e un utile netto di circa €450 milioni. Saipem osserva che le previsioni per quest'anno si basano su un approccio più conservativo assunto dal nuovo management, per la valutazione del nuovo business, nella stima di margini e nei tempi, sia di assegnazione di contratti sia di esecuzione dei nuovi progetti. Il CEO Umberto Vergine ha affermato che nonostante il 2013 si avvii a essere un anno difficile, Saipem rimane una società solida con eccellenti prospettive. "Grazie alle azioni che stiamo intraprendendo - ha aggiunto - prevediamo un significativo recupero della redditività nel 2014 e negli anni successivi, confermando Saipem leader del mercato."

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito