Saldi, Codacons: Nella prima giornata di sconti acquisti giù del 10%

Roma, 5 gen. (LaPresse) - Il Codacons conferma l'andamento negativo dei saldi nella prima giornata di sconti. Le rilevazioni eseguite dall'associazione presso le strade dello shopping e nei centri commerciali, nelle fasce orarie 10-12 e 15-18, hanno evidenziato una riduzione degli acquisti mediamente del 10% rispetto al primo giorno di saldi dello scorso anno."La tendenza dei consumatori è quella di girare per negozi e confrontare prezzi e offerte, alla ricerca di un buon affare - spiega il Codacons - ma regna in tutta Italia massima cautela negli acquisti".

La maggior parte degli utenti intervistati dall'associazione, infatti, ha dichiarato di non avere alcuna fretta di comprare, e di poter rimandare o addirittura rinunciare a uno o più acquisti, considerata la minor disponibilità economica rispetto al passato e le spese future che attendono le famiglie nel 2013.

"Buona l'affluenza di cittadini lungo le strade e nei centri commerciali - prosegue il Codacons - mentre le griffe e le boutique d'alta moda hanno potuto contare sulla presenza dei turisti, gli unici che nel nostro Paese sembrano disposti a spendere senza troppe preoccupazioni". "Per il futuro - conclude l'associazione - le riduzioni delle vendite durante i saldi si attesteranno su un -15%, e la spesa dei consumatori non supererà una media di 224 euro a nucleo familiare".

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 23.427,35 +0,98% 24 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.713,96 +0,43% 24 apr 17:50 CEST
Ftse 100 7.070,70 +0,24% 24 apr 17:35 CEST
Dax 11.810,85 +0,74% 24 apr 17:45 CEST
Dow Jones 18.080,14 +0,12% 24 apr 23:01 CEST
Nikkei 225 20.020,04 -0,83% 24 apr 08:00 CEST
  • BATTI IL MERCATO

    BATTI IL MERCATO

    Segui l'andamento delle quotazioni che ti interessano. Leggi notizie personalizzate e gli aggiornamenti del tuo portafoglio. Altro »

Ultime notizie dai mercati