Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.706,74
    -292,30 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    12.705,21
    -260,13 (-2,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    89,91
    -0,59 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    20.877,61
    -2.506,91 (-10,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    504,88
    -36,72 (-6,78%)
     
  • Oro

    1.760,30
    -10,90 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0044
    -0,0048 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    4.228,48
    -55,26 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8484
    +0,0030 (+0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9622
    -0,0026 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3036
    -0,0024 (-0,19%)
     

Saldi, il caldo spinge le vendite ma le famiglie toscane restano caute

(Adnkronos) - "Abbiamo buone attese per i saldi estivi: il caldo di questi giorni e il ritorno alla normalità pre-pandemia dovrebbero spingere in alto gli acquisti. Ma pesa l’incognita sulla propensione di spesa delle famiglie, spaventate dal caro-bollette e dallo spettro di nuovi aumenti delle materie prime in autunno". Paolo Mantovani, presidente regionale di Federazione Moda Italia -Confcommercio, prova a delineare una previsione sull'andamento delle vendite di fine stagione dell'estate 2022, che in Toscana inizieranno sabato 2 luglio.

"La partenza di sabato vedrà uno sprint soprattutto nelle località di mare, nelle città dell’entroterra sarà invece la presenza di turisti a fare la differenza", prosegue il presidente dei dettaglianti toscani di abbigliamento e calzature. "Lo scontrino medio sarà forse un po’ più alto dello scorso anno, quando è stato di 180 euro a famiglia (78 a persona) perché si sono moltiplicate le occasioni di incontro e di socialità che invitano a rinnovare il proprio guardaroba. Non so però se riusciremo ancora a tornare alle 230 euro a famiglia dell’estate 2019, l'ultima pre-pandemia. Nelle città d’arte molti confidano sul ritorno dei turisti, stranieri soprattutto, che volentieri acquistano scarpe, abiti e borse made in Italy".

È proprio la ripresa del turismo internazionale che riporta un po’ di ottimismo tra gli operatori. "Firenze è la cartina al tornasole: in questi giorni è affollata di turisti come non la vedevamo più da due anni a questa parte. Mancano ancora i top spender russi e cinesi, ma la quantità di presenze americane ed europee fa ugualmente ben sperare", dice Mantovani.

Confcommercio Toscana invita però alla cautela: "le tensioni internazionali, con la guerra in Ucraina ancora in corso, unite alla preoccupazione per ulteriori rincari rischiano di frenare lo shopping in saldo”, sottolinea Mantovani, che da poco è stato eletto anche vicepresidente nazionale della Federazione Moda Italia di Confcommercio. “La moda viene già da anni difficili, segnati dal calo dei consumi, e nonostante tutto è uno dei pochi settori dove in questi mesi non ci sono stati aumenti. I commercianti hanno cercato di reggere botta senza ritoccare i cartellini, per non fiaccare troppo il mercato, ma ovviamente hanno visto scendere i loro ricavi. E i saldi da soli non possono fare miracoli per ripianare i bilanci".

"Per fortuna – aggiunge Mantovani - negli ultimi appuntamenti della moda, non ultimo Pitti Immagine Uomo a Firenze, si è respirato un clima più disteso. Il comparto ce la sta mettendo tutta per superare le difficoltà ed essere propositivo. Si vede anche dalle collezioni presentate: vincono originalità, colore e praticità. L'obiettivo è coniugare lo stile con le esigenze della vita di tutti i giorni".

Le vendite di fine stagione, che in Toscana interessano circa 6.300 imprese commerciali di abbigliamento, tessuti, calzature, pelletteria e articoli sportivi, dureranno 60 giorni. Potranno essere messi in saldo tutti i capi a carattere stagionale o di moda, suscettibili di deprezzamento.

Come sempre, Confcommercio Toscana ha ricordato ai propri associati le principali regole da rispettare:

Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Prova dei capi: non c'è obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante.

Pagamenti: devono essere accettate le carte di credito.

Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.

Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita e lo sconto (non è più obbligatorio indicare il prezzo finale in base al Codice del Commercio della Regione Toscana).

Modifiche e/o adattamenti sartoriali: sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli