Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.543,59
    -49,47 (-0,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0677
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5510
    -0,0039 (-0,25%)
     

Saldo Irpef, la proroga: cosa c'è da sapere

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Slitta al 30 ottobre il termine dei versamenti fiscali relativi al saldo Irpef dei redditi 2019 per chi non ha rispettato la scadenza del 20 agosto. L’importo subirà una maggiorazione dello 0,8%. La proroga verrà inserita nel decreto Agosto la prossima settimana, come deciso dalla maggioranza e confermato dal viceministro dell’Economia, Antonio Misiani.

Ci sono però alcuni 'paletti', come spiega laleggepertutti.it. Il primo: potranno usufruire della proroga le partite Iva interessate dall’Indice sintetico di affidabilità fiscale, noto come Isa, ed i contribuenti aderenti al regime forfettario. Il secondo vincolo: occorrerà dimostrare di avere registrato nel primo semestre del 2020 una perdita del fatturato del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Si tratta della terza proroga concessa per il versamento di quanto dovuto al Fisco in termini Irpef, visto che la prima scadenza era prevista al 20 luglio ed era stata fatta slittare successivamente al 20 agosto per gli effetti dell’emergenza Covid.

L’attuale rinvio viene anche incontro alle richieste dei commercialisti, che avevano minacciato l’agitazione della categoria per il rischio di un eccessivo carico di obblighi fiscali e che ora hanno ritirato la protesta.