Italia markets open in 1 hour 58 minutes
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.120,84
    +172,11 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,2108
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    32.438,61
    +3.152,29 (+10,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    979,94
    +38,13 (+4,05%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     

Sale da gioco: graduale ritorno alla normalità. Ecco le prime riaperture

·3 minuto per la lettura

in collaborazione con 123scommesse.it

Piccoli grandi spiragli di ripresa. Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto sapere, nei giorni scorsi, come diverse Regioni italiane potranno passare in zona bianca. Questo significa che in questi territori verranno eliminate tutte le restrizioni che attualmente vigono nel resto del Paese e potranno tornare a lavorare tantissime attività che si erano dovute fermare.

Tra queste troviamo proprio il settore del gioco legale. Per la prima volta dall’estate 2020, tantissime sale da gioco, tra cui sale scommesse, sale bingo e così via, potranno nuovamente riaprire i battenti e lavorare in sicurezza. Teoricamente, con il passaggio alla zona bianca, sono migliaia gli esercizi di questo tipo che potranno nuovamente aprire.

Migliaia di riaperture

Per esempio, in Friuli Venezia Giulia ci saranno oltre 1343 esercizi AWP, e un centinaio tra sale scommesse, sale bingo e così via a riaprire. In Sardegna, invece, si parla di oltre 2600 esercizi AWP, e 200 tra sale scommesse e sale bingo. E ancora, in Molise, Puglia e Basilicata si parla di almeno 1100 sale scommesse e 400 tra sale bingo e sale slot, con 5000 esercizi AWP.

Questi numeri si vanno ad aggiungere a quelli di altre Regioni che si trovano o si troveranno presto in zona bianca: Abruzzo, Liguria, Umbria, Veneto, Lombardia, Trentino, Lazio, Emilia Romagna. In totale, approssimando il numero, si parla di oltre 50 mila esercizi AWP e migliaia di sale scommesse e sale da gioco in generale. Questo può far ben capire l’entità del danno che tantissimi imprenditori italiani stavano riscontrando a causa delle chiusure.

Il boom dell’online

E le chiusure, oltre come vedremo nel dettaglio, aver incentivato anche il gioco d’azzardo illegale, hanno portato anche ad un vero e proprio boom per quanto riguarda il settore dell’online. Questo, come è facile intuire, perché non potendo recarsi nelle sale da gioco fisiche per giocare, le persone hanno dovuto ricorrere ai migliori siti di scommesse, continuando la loro attività da pc o da smartphone.

I dati circa la crescita dell’online sono davvero impressionanti: rispetto all’anno precedente, si è registrato un aumento dell’utenza di oltre il 40%, con un giro d’affari di milioni e milioni di euro. Un dato che poi andrà verificato e ulteriormente perfezionato considerando questo 2021.

Come accennato, le chiusure hanno portato anche altri effetti molto significativi. Per esempio, le casse dello Stato hanno visto un ammanco di almeno 5 miliardi di euro. Non tutti forse sanno, infatti, che il gioco legale in Italia rappresenta oltre l’1% del PIL nazionale.

E, allo stesso modo, si è visto anche un aumento esponenziale del gioco illegale. Soltanto nel 2020 sono state arrestate circa 1200 persone per attività correlate al gioco clandestino: un numero impressionante, oltre il 250% in più rispetto al 2019. E questo spaventa anche in previsione dell’inizio degli Europei: nelle Regioni dove le riaperture non saranno ancora state portate avanti, c’è il serio rischio di vedere un incremento del gioco illegale, con il conseguente arricchimento della criminalità organizzata.