Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,1640
    +0,0022 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    54.850,42
    +1.535,21 (+2,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,22
    +17,87 (+1,22%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

Salini: "Paese non pronto e va adeguato, Pa torni ad amministrare contratti"

·2 minuto per la lettura

"Bisogna trovare soluzioni" per mettere a terra le risorse del Pnrr e "il Paese non è pronto a fare uno sforzo di questo genere e va adeguato. Quello che il governo ha fatto certamente aiuta ma non basta", il "problema è che non si riesce più a far amministrare alla pubblica amministrazione". Lo ha detto Pietro Salini, amministratore delegato di Webuild, a margine dell'evento 'Riforma Italia' organizzato da EY.

"Ogni volta che si fa uno strumento - ha proseguito - questo diventa l'alibi per far fare a qualcun altro quell che deve fare la Pa. Ad esempio l'Anac: nasce come sistema di controllo e regolamento, è diventato un corpo del processo, oggi tutte le amministrazioni chiedono all'Anac cosa devono fare. Domani vogliamo le commissioni consultive tecniche per la risoluzione delle controversie in corso d'opera, e sono diventate il sistema con cui gestiscono gli appalti. Non è possibile così. Si deve ritornare ad amministrare i contratti, che è il compito fondamentale" della Pa.

Secondo Salini, quindi, "bisogna fare molto di più, bisogna assumersi le responsabilità e bisogna potersele assumere, perché una parte delle ragioni della Pa ci sono. Qui siamo alla ricerca del pelo nell'uovo sempre, ma non ci rendiamo conto che non è la forma che conta, ma la sostanza. Se vogliamo dare lavoro a milioni di persone come vogliamo, se vogliamo far riprendere l'economia e far ripartire il Paese non si può stare a spaccare il capello in quattro, come tutti vorrebbero, attorno a un tavolo operatorio a fare gli scienziati. Dobbiamo salvare una persona che sta morendo - ha aggiunto - serve un approccio diverso che non è quello dello studioso a carte ferme che riempie le biblioteche, qua c'è un corpo che è vivo, dobbiamo salvarlo, bisogna avere la capacità di mettere le mani dove serve ma anche farlo, assumendosi delle responsabilità", ha detto ancora Salini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli