Italia markets close in 2 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    23.130,90
    +32,75 (+0,14%)
     
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • Petrolio

    63,16
    -0,06 (-0,09%)
     
  • BTC-EUR

    41.954,42
    -228,34 (-0,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.024,35
    +29,69 (+2,98%)
     
  • Oro

    1.779,90
    -18,00 (-1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2228
    +0,0060 (+0,49%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.703,17
    -2,82 (-0,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8648
    +0,0048 (+0,55%)
     
  • EUR/CHF

    1,1078
    +0,0050 (+0,45%)
     
  • EUR/CAD

    1,5250
    +0,0024 (+0,16%)
     

Salvatore Ferragamo: ricavi giù del 33% a 916 mln nel 2020

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Il Gruppo Salvatore Ferragamo chiude il 2020 con ricavi consolidati pari a 916 milioni di euro, riportando un calo del 33,5% a tassi di cambio correnti (-33,4% a cambi costanti) rispetto ai 1.377 milioni di euro registrati nell’esercizio 2019. I Ricavi del quarto trimestre 2020, in miglioramento rispetto ai nove mesi, hanno registrato un calo del 20,4% a tassi di cambio correnti (-19,9% a cambi costanti2). Tale significativo calo del fatturato, rimarca il gruppo in una nota, è stato determinato dal diffondersi della pandemia dovuta al nuovo coronavirus, conosciuto come Covid-19 e le conseguenti decisioni prese dai vari Stati in materia di blocchi delle attività commerciali e divieti e limitazioni del traffico internazionale. La conseguente chiusura della maggior parte della rete distributiva del Gruppo negli stessi paesi, e la significativa diminuzione dei flussi di traffico nella restante parte, hanno impattato particolarmente i primi sei mesi del periodo in oggetto facendo registrare un progressivo recupero, con alterne fasi in connessione con la seconda ondata del virus e le conseguenti restrizioni, nella seconda parte dell’anno.