Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.100,50
    +371,16 (+1,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Salvini-Eisenberg, mesto incontro fra due orfani trumpiani

Federica Fantozzi
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Combo (Photo: ANSA foto)
Combo (Photo: ANSA foto)

Un pranzo cordiale e rilassato a Villa Taverna per ribadire simpatia e stima reciproca, e soprattutto per salutarsi. Matteo Salvini, accompagnato dal numero due leghista Giancarlo Giorgetti, ha incontrato l’ambasciatore americano Lewis M. Eisenberg, che presto lascerà Roma per rientrare in patria.

I due, che hanno un saldo e “intenso” rapporto di conoscenza, e in passato si sono visti molte volte, hanno discusso dello scenario internazionale dopo le elezioni alla Casa Bianca e dei possibili riflessi sulle relazioni tra Roma e Washington. “I rapporti tra Italia e Stati Uniti d’America e tra la Lega e la democrazia americana sono solidi e lo saranno sempre di più” ha detto poi il leader della Lega. Nessun appuntamento americano in agenda, complice anche la fase di pandemia che il mondo vive, pochi contenuti politici in senso stretto, ma un lungo scambio di opinioni e di analisi tra i due. La sensazione è stata, però, quella - condita da un pizzico di “mestizia” - di un ciclo che si chiude: quello delle relazioni tra i dei due Paesi improntate al “sovranismo” e al nazionalismo.

Eisenberg, designato da Donald Trump di cui è amico personale, finanziere di lungo corso a Wall Street e tesoriere dei Repubblicani, si è molto speso in passato per riportare Salvini ministro dell’Interno nel solco di un rapporto transatlantico più solido e meno cedevole alle lusinghe della Russia. Ed è probabile che il politico statunitense, che ha rassegnato come di prammatica le proprie dimissioni ancora prima del risultato elettorale e che descrivono sereno alla prospettiva di rientrare negli Usa per dedicarsi alla famiglia, abbia ricordato al segretario della Lega i “pericoli” di un eccessivo feeling politico con Mosca. E magari gli abbia suggerito un approccio più “prudente”.

Del resto, sebbene la “trans...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.