Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.571,73
    +46,58 (+0,18%)
     
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,94 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.804,85
    +96,27 (+0,34%)
     
  • Petrolio

    83,98
    +1,48 (+1,79%)
     
  • BTC-EUR

    51.942,89
    -2.412,04 (-4,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,69 (-3,31%)
     
  • Oro

    1.793,10
    +11,20 (+0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1648
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,40 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.188,81
    +33,08 (+0,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8470
    +0,0044 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    1,0668
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4394
    +0,0015 (+0,11%)
     

San Marino: vince il "Sì"con ampio margine, l’aborto ora sarà legale

·2 minuto per la lettura

San Marino: vince il "Sì", il successo dei progressisti si materializza con ampio margine (pari a circa il 77,3%).

L'aborto nella piccola Repubblica, dunque, non sarà più fuorilegge.

Gli elettori erano chiamati al voto per decidere se depenalizzare l'aborto, con la Chiesa cattolica contraria e i seguaci del "Sì" che speravano di rendere finalmente legale la procedura.

Il referendum è stato indetto dopo che 3.000 persone hanno sottoscritto una petizione per ribaltare la legge sull'aborto, che risale al 1865.

In totale, sono andati a votare 14.558 cittadini, su 35.411 aventi diritto (con un'affluenza del 41,11%).

Pro e contro

Le donne di San Marino che ricorrevano all'aborto sono state sinora costrette a recarsi in Italia, che ha legalizzato la procedura nel 1978.

I favorevoli affermano che ciò penalizza soprattutto le donne che sono state violentate, gli oppositori sostengono invece che a San Marino anche i minori possono ricevere gratuitamente in farmacia contraccettivi, inclusa la 'pillola del giorno dopo'.

San Marino è uno dei pochissimi posti in Europa dove abortire era illegale, al pari di Città del Vaticano, Malta, Andorra, Liechtenstein e Polonia: il referendum si è tenuto dopo 18 anni di tentativi di depenalizzare l’interruzione volontaria di gravidanza, tutti falliti.

Gli articoli contesi

Nella piccola Repubblica, che annovera circa 34mila abitanti, abortire era illegale anche in caso di stupro, gravi malformazioni del feto e pericolo di vita per la donna.

Nella fattispecie, gli articoli 153 e 154 del Codice penale puniscono con la detenzione da sei mesi a tre anni la donna che abortisce (con pene sino ai sei anni per chi l’aiuta, oppure esegue l’aborto).

In subordine, l’aborto "per motivo d’onore" è punito con il carcere da tre mesi ad un anno.

Il referendum è stato promosso dall’Unione donne sammarinesi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli