Italia Markets closed

Sangalli: illegalità piaga che penalizza il made in Italy

Mlp/Ral

Roma, 26 nov. (askanews) - Contraffazione e abusivismo "sono due piaghe che certo penalizzano i nsotri settori, ma che indeboliscono tutta la filiera del Made in Italy e la salute del sistema Paese, sovvenzionando le catene della criminalità organizzata". A sottolinearlo è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, in occasione della Giornata "Legalità ci piace!".

Sangalli ha ricordato che l'illegalità danneggia il lavoro di tanti imprenditori e costa alle imprese del commercio e dei pubblici esercizi "una perdita di oltre 30 miliardi di euro di fatturato, mettendo a rischio ogni anno 197mila posti di lavoro regolari". Ecco perché l'associazione chiede da una parte l'inasprimento dell'impianto sanzionatorio e dall'altra di "intensificare ulteriormente i controlli sul territorio e rafforzare l'attività repressiva da parte delle autorità competenti. Le leggi - ha detto Sangalli - ci sono e vanno applicate".

Per Sangalli il rating di legalità è "davvero utile", ma occorre procedere alla "eliminazione della soglia dei due milioni di euro di fatturato che finisce di fatto per penalizzare le piccole imprese".