Italia markets close in 7 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    22.159,71
    +230,90 (+1,05%)
     
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.049,47
    +178,20 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    110,78
    +1,21 (+1,10%)
     
  • BTC-EUR

    19.730,13
    -618,75 (-3,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    455,47
    -6,33 (-1,37%)
     
  • Oro

    1.828,80
    +4,00 (+0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,0588
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    22.364,45
    +134,93 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.563,69
    +24,81 (+0,70%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0102
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3575
    -0,0048 (-0,35%)
     

Sardegna: punto nascita ospedale San Gavino Monreale verso ripresa operatività

(Adnkronos) - Il punto nascita dell’ospedale di San Gavino Monreale verso la ripresa della piena operatività. Lo ha annunciato l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, che ieri pomeriggio, insieme ai vertici dell’Asl 6 e Ares, ha incontrato i sindaci dei comuni del Medio Campidano. Sul tavolo i principali temi legati all’ospedale Nostra Signora di Bonaria. “Grazie alle sinergie attivate all’interno del nostro sistema sanitario regionale siamo riusciti anche in questa occasione a trovare la soluzione per dare risposte al territorio”, dichiara l’esponente della Giunta Solinas che, nel corso del vertice, ha confermato l’imminente arrivo di alcuni pediatri dall’Aou di Cagliari, specialisti che dal Policlinico di Monserrato andranno a dare manforte ai colleghi di San Gavino, che continueranno a ricevere supporto anche dai medici dell’Asl 7.

"Ancora una volta, attraverso importanti sforzi organizzativi, – sottolinea l’assessore Nieddu – ci troviamo a far fronte a una carenza di specialisti che parte da lontano e pesa in modo particolare sui presidi che si trovano al di fuori dei grandi centri urbani. Un problema che non riguarda solo la Sardegna e i cui effetti si riverberano ovunque a livello nazionale, anche in sistemi sanitari storicamente più solidi del nostro".

"Affrontiamo una situazione emergenziale mettendo in campo ogni strumento a nostra disposizione. Nel caso di San Gavino, che rappresenta un presidio strategico per il territorio, faremo ricorso allo strumento di incentivi delle Risorse aggiuntive regionali, attivato per la prima volta alla fine dello scorso anno con uno stanziamento di 13 milioni di euro", precisa l’assessore che aggiunge: "Continuiamo a bandire i concorsi e abbiamo ripreso ad investire con convinzione sulla sanità del nostro territorio a partire dalla formazione dei medici, attraverso l’aumento esponenziale delle borse di studio.

Soluzioni strutturali di questo tipo, però, producono effetti apprezzabili solo nel tempo e oggi abbiamo situazioni che non possono restare in attesa di risposta. L’impostazione che stiamo spingendo in Sardegna è quella che si ispira alla massima collaborazione e sostegno tra le aziende del nostro sistema sanitario, ma per garantire più flessibilità e maggiori margini d’azione servirebbe un intervento deciso a livello nazionale. Con le altre regioni abbiamo trasmesso al ministero della Salute un documento di venticinque pagine, con soluzioni e proposte, ma al momento le risposte tardano ad arrivare", conclude l’assessore Nieddu.

"Le aziende sanitarie trovano nella sinergia e nel sostegno reciproco la chiave per affrontare il problema della carenza di personale sanitario che, non solo in Sardegna, ma in tutta Italia, sta causando problemi e disservizi senza fine", afferma il direttore generale della Asl del Medio Campidano, Giorgio Carboni. "Siamo sempre pronti a fare fronte comune, con le altre Asl e insieme a Regione Sardegna e Ares, per rispondere alle esigenze dei cittadini. Con una forma di collaborazione interaziendale, ognuno per le proprie disponibilità, si mettono a disposizione delle altre aziende sanitarie delle risorse, in questo caso i professionisti di diverse specialità, per poter superare le difficoltà momentanee".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli