Scandalo derivati, è allarme nel sistema bancario

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BMPS.MI0,240,01

Partecipa all'incontro gratuito che si terrà Lunedì 11 Febbraio alle ore 18.00 dal titolo: LE GIUSTE MODALITÀ OPERATIVE PER UN TRADING PROFICUO, (è necessaria solo l'iscrizione). I temi affrontati saranno: Come Costruire un Piano di Trading, I principi annunciati da Dow, sono ancora attuali? Figure di Analisi Tecnica: come interpretarle e come tradarle. Figure di continuazione. Candele Giapponesi: definizione ed interpretazione. L'incontro verrà presieduto da Gerardo Murano, Chief Analyst, Analista Finanziario e Socio Ordinario SIAT. Link per iscrizione! La protezione dal rischio di cambio si è trasformata in trabocchetto per gli istituti di credito che hanno utilizzato questi contratti standardizzati per tutelarsi dai pericoli di andamenti contrari alle previsioni. Fatto sta che l’indagine sullo scandalo dei derivati finanziari aperta su Monte dei Paschi (Milano: BMPS.MI - notizie) di Siena, ha messo in allarme sia l’intero sistema bancario, sia le autorità di vigilanza competenti. Quello che desta maggiore preoccupazione non sono soltanto i classici prodotti strutturati, ma anche gli swap Otc. Si tratta di derivati over-the-counter, ovvero non regolamentati. Questi strumenti stanno creando non pochi problemi alle banche italiane, tanto che finora le perdite potenziali si attestano a 32 miliardi di euro. Si tratta di derivati che servono per proteggere le banche dal rischio cambio o tassi.

Quindi, questi swap di copertura sono simili ai Santorini o Alexandria di turno, che tanto stanno facendo parlare nell’ambito della vicenda Mps. In realtà, al 30 settembre 2012 sono 483 le banche italiane e straniere, che operano in Italia, interessate da queste operazioni in swap Otc. Rispetto al trimestre precedente, il valore di mercato (o mark-to-market) è sempre negativo e peggiorato di due miliardi di euro.

, Nei 32 miliardi di perdite potenziali ancora non si sa se sono stati registrati anche i derivati di Mps. Dipende se la banca senese ha stipulato gli swap in Italia e se li ha comunicati a Bankitalia entro settembre 2012. Nell’aggiornamento di Banca d’Italia, però, non vengono rivelati i nomi degli istituti di credito coinvolti in queste operazioni, né quando il mark-to-market è negativo né quando è positivo.

Questi swap, però, non sono stati venduti a controparti bancarie, bensì anche a imprese, amministrazioni pubbliche e famiglie. Così al 30 settembre 2012 complessivamente le perdite potenziali in derivati ammontano a 80,18 miliardi di euro. Secondo gli esperti una maggiore trasparenza nel settore dei derivati eliminerebbe molti rischi.

Autore: Professione Finanza Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito