Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.610,67
    +649,44 (+1,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Scandalo emissioni, Corte Suprema Usa richiede giudizio governo su caso Volkswagen

·1 minuto per la lettura
Il logo della casa automobilistica tedesca Volkswagen presso uno showroom di un rivenditore di auto Volkswagen a Bruxelles

WASHINGTON (Reuters) - La Corte suprema degli Stati Uniti ha chiesto all'amministrazione Biden di valutare se Volkswagen possa essere citata in giudizio per danni dai governi locali di Florida e Utah nell'ambito dello scandalo sulle emissioni diesel.

I giudici stanno valutando se accettare la richiesta di appello di Volkswagen e Robert Bosch, azienda che fornisce componenti auto, contro la sentenza di un tribunale che consentirebbe alle contee di Hillsborough, Florida, e di Salt Lake, Utah, di ritenere le aziende colpevoli secondo le norme e regolamenti locali che vietano le alterazioni dei meccanismi di controllo delle emissioni diesel.

Volkswagen potrebbe dover far fronte a richieste ingenti di danni in questi e in altri potenziali casi sollevati da diverse giurisdizioni locali.

Daimler e Fiat Chrysler, oggi gruppo Stellantis, stanno facendo fronte a simili richieste di risarcimento.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)