Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.411,93
    +102,42 (+0,31%)
     
  • Nasdaq

    12.816,12
    -38,69 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0322
    +0,0020 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    23.455,01
    +155,33 (+0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    572,01
    -2,73 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.218,71
    +8,47 (+0,20%)
     

Sci, Prima Assicurazioni: 73% italiani favorevole a polizza piste

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 dic. (askanews) - Sette italiani su dieci sono favorevoli all'obbligatorietà di una assicurazione per danni o infortuni causati a terzi sulle piste da sci. La norma entrerà in vigore il primo gennaio 2022, ma non dispiace a chi frequenta le piste italiane: da un'indagine di Prima Assicurazioni commissionata a Nielsen emerge che per il 73,3% degli intervistati è doveroso stipulare una polizza.

La percentuale dei 'responsabili' sale tra chi si dichiara sciatore esperto è dell'83,9%, mentre si attesta all'85,8% tra gli sciatori abituali e cala al 75,3% tra gli sciatori occasionali (sanno sciare, ma non vanno ogni anno). Ad abbassare la media sono gli italiani che non sanno sciare o a cui non interessa farlo che sono favorevoli all'assicurazione obbligatoria per il 67,1%.

"Siamo molto attenti alle evoluzioni del mercato e alle abitudini dei consumatori", ha sottolineato Giacomo Testa, Head of Analytics di Prima Assicurazioni. "Avevamo anticipato la legge che entrerà presto in vigore prevedendo questa copertura all'interno delle polizze Casa e Famiglia. Le garanzie incluse in queste polizze - ha concluso Testa - prevedono già la protezione per danni causati e subiti durante l'attività sportiva. Inclusi gli sci".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli