Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.654,18
    +790,95 (+2,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Scommettiamo che il nuovo film di Laetitia Casta & Louis Garrel farà molto parlare di sé a Cannes?

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Francois Durand - Getty Images
Photo credit: Francois Durand - Getty Images

Teniamoli d'occhio. L'esplosiva accoppiata Laetitia Casta & Louis Garrel è destinata a fare parlare di sé a Cannes. Per la terza volta, moglie e marito tornano a lavorare in un film: lei nel ruolo della protagonista, lui dietro alla telecamera. Il titolo della pellicola è La Croisade (La crociata, in italiano) e si è aggiudicato un posto in prima linea al Festival di Cannes (6 - 17 luglio) all'interno della sezione dedicata ai film sull'ambiente. L'emergenza climatica è un tema che sta a molto a cuore alla kermesse francese che quest'anno ha preso una serie di provvedimenti ad hoc, che vanno dall'eliminare la plastica a sforbiciare il red carpet, con tanto di tassa chiesta ai partecipanti al festival per rifondare l'ambiente dall'inquinamento (molti si sposteranno in aereo). Ma non divaghiamo. La Croisade è destinata a far parlare per almeno altri due motivi che esulano dalla collaborazione coniugale Casta&Garrel (che comunque ci piace tanto).

Prima di tutto la pellicola è anche l'ultima di Jean-Claude Carrière: stiamo parlando dello sceneggiatore di L'insostenibile leggerezza dell'essere e Il fascino discreto della borghesia, nonché premio Oscar per Heureux Anniversaire. Purtroppo il geniale autore è venuto a mancare l'anno scorso. Rivedere il film sarà come riaverlo, almeno per un attimo, tra noi. Cannes sicuramente onorerà la sua memoria, come è giusto che sia.

Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

L'altro aspetto che rende La Croisade un film da tenere d'occhio è il taglio scelto. Carrière non ci ammorberà con l'ennesimo documentario sugli sprechi mondiali ma virerà verso il genere distopico. Stando infatti a quanto anticipato, La Croisade è il sequel di The Faithful Man e avrà un piglio visionario ma ironico. Intendiamoci, la storia non farà certo sconti in quanto a denunce ma si divertirà a capovolgere il mondo, dando corpo a quello che ormai pensiamo tutti: se questo mondo va a rotoli è colpa di noi adulti. Così, in La Croisade vedremo un gruppo di bambini prendere in mano la situazione visto che gli adulti non danno loro retta. O meglio, tutti tranne uno: Marianne, la mamma del tredicenne Joseph (interpretato da Joseph Engel) e qui interpretata di nuovo da Laetitia.

"Mi è piaciuto ritrovare Marianne, che questa volta sembra molto più libera", commenta Casta a Le Figarò. Lo vediamo nel suo atteggiamento rilassato, ma anche nel suo look: non indossa più lo chignon! Era già molto sicura di sé in L'uomo fedele, ma torna con qualcosa di più tenero, di più luminoso. È meno distante dalla mia personalità.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il punto di incontro tra Casta e il suo personaggio è proprio la capacità di ascoltare i bambini: Laetitia ha quattro figli (stupendi!) e nei loro riguardi è protettiva ma al contempo aperta al dialogo e all'ascolto. "Nel corso delle generazioni, credo che i giovani siano diventati sempre più sofisticati e consapevoli di ciò che li circonda. Mi piace quindi che il bambino non sia ridotto all'infanzia, ma rispettato: cerco un rapporto quasi paritario", spiega a Le Figarò. "A casa abbiamo ascoltato i piccoli fino ai 6 o 7 anni, poi nell'adolescenza si è creata una voragine, il dialogo è più complesso, in certi casi finisce".

Come sappiamo bene, la famiglia della Casta è super numerosa: ha quattro figli e la maggiore ha 20 anni, mentre la più piccola 12. Non deve essere insomma facile destreggiarsi tra le diverse generazioni. Tuttavia Casta ribadisce la gioia di avere una famiglia numerosa, parla di maternità alla stregua di una "vocazione" e rimanda al mittente la proposta ecologista di contenere le nascite per non danneggiare il Pianeta sovraffollandolo: "Trovo falsamente responsabile l'idea di dover smettere di procreare: chissà, magari genereremo i prossimi geni che ripensano il mondo", chiosa dalle colonne di Le Figarò.

Capite bene, insomma, che c'è materia per parlare del film per molto, molto tempo. Poi, ovviamente, c'è anche il lato gossipparo riassumibile nella domanda: quanto saranno belli Casta & marito mentre sfileranno insieme sul red carpet di Cannes?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli