Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,32 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -131,02 (-0,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,22 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    -0,14 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    30.096,88
    -494,29 (-1,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -5,10 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    -0,0042 (-0,36%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,67 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8596
    +0,0047 (+0,55%)
     
  • EUR/CHF

    1,0940
    +0,0020 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,4778
    +0,0067 (+0,46%)
     

Scoperta nel Comasco una grande fabbrica di ricambi auto contraffatti

·2 minuto per la lettura

AGI - I finanzieri della Compagnia di Olgiate Comasco hanno sequestrato una vera e propria fabbrica del falso, in grado di immettere sul mercato decine di migliaia di pezzi di ricambio per autoveicoli contraffatti.

I militari - insospettiti dai movimenti rilevati anche nelle ore notturne e dalla posizione particolarmente defilata di un capannone rispetto alla sede dell'azienda cui era riconducibile - sono entrati nella stamperia di Guanzate (Como) trovando numerosissime scatole ancora imballate, contenenti pezzi di ricambio per motori "non originali e compatibili con i modelli Iveco", di provenienza extra Ue, che venivano estratti, marchiati con i loghi del noto brand e nuovamente confezionati in scatole, comprensive di codice a barre ed etichette, del tutto identiche a quelle originali, con tanto di dicitura "genuine parts" (pezzi originali).

I prodotti, così ultimati, erano pronti ad inondare il mercato a prezzi concorrenziali, sicuramente comprensivi di un rilevante margine di guadagno a vantaggio degli ideatori del sistema.

All'interno del sito, sono stati complessivamente sequestrati 980 pezzi di ricambi (frizioni e filtri d'aria) con il logo contraffatto Iveco, 84.000 confezioni ed adesivi contraffatti, 3.000 pezzi di ricambio automobilistici "vergini", 6 macchinari per la stampa e per il confezionamento, 28 clichè, 13 quadri per stampe e documentazione amministrativa utile alla ricostruzione della filiera commerciale, per un valore commerciale pari ad oltre un milione di euro.

Individuati tutti i soggetti che, a vario titolo, hanno commissionato la stampa del logo falso e proceduto alla vendita degli articoli, sono state eseguite 23 perquisizioni presso sedi legali e unità operative di 13 aziende in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Campania e Puglia. Le operazioni - a cui hanno partecipato anche i periti della Iveco che, sin dai primi accertamenti investigativi, hanno fattivamente collaborato con le fiamme gialle - hanno portato al sequestro di altri 12.218 pezzi di autoricambi contraffatti (già confezionati e prossimi alla vendita), 10.716 confezioni ed adesivi contraffatti, 2 impianti di stampa e copiosa corrispondenza informatica, documentazione contabile ed extracontabile.

Al momento sono stati denunciati il rappresentante legale della stamperia abusiva, un suo stretto collaboratore e la società stessa, per violazione della normativa sulla responsabilità amministrativa degli enti e per il reato di contraffazione marchi, aggravato dall'averlo commesso attraverso l'allestimento di mezzi ed attività organizzate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli