Italia markets open in 6 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    35.741,15
    +64,13 (+0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.226,71
    +136,51 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    28.600,41
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1609
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    54.195,18
    +1.189,34 (+2,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.507,57
    +1.264,89 (+521,22%)
     
  • HANG SENG

    26.132,03
    +5,10 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.566,48
    +21,58 (+0,47%)
     

Scuola, Costarelli (presidi Lazio): "In quarantena solo compagno banco? Non siamo in aereo"

·2 minuto per la lettura

"Oltre a ragionare sulle quarantene degli alunni si tenga conto anche di quelle dei docenti. Se si parla di riduzione o rimodulazione, chiediamo alla regione Lazio di rendere il più possibile simili i protocolli adottati dalle Asl per gestire le quarantene degli insegnanti". Lo dice all'Adnkronos la presidente dei presidi per il Lazio, Cristina Costarelli che comunica: "abbiamo chiesto un tavolo tecnico con la Regione per analizzare le criticità e trovare soluzioni". Quindi sull'idea di quarantena in micro bolle, ad esempio limitata al compagno di banco afferma: "La scuola non è un aereo".

"La quarantena dei docenti dall'anno scorso viene gestita in modo diversificato - rileva - Per cui noi ci troviamo con Asl che mettono in quarantena i docenti in modo automatico nel caso in cui in una classe ci sia stato un caso di positività al covid, ed altre che invece richiedono ai docenti la compilazione di questionari in base a cui scatta o meno la quarantena - spiega - Non si considera che un docente in isolamento è tolto a più di una classe e che ciò genera un disagio complesso e difficile da gestire. Per questo stiamo chiedendo alla Regione che i protocolli dei questionari siano simili, ma ancora svariate Asl del Lazio non li hanno inviati".

Quarantena solo per il compagno di banco? "Qui entra in gioco la competenza medica - risponde Costarelli, anche dirigente del liceo Newton a Roma - Noi sosteniamo che l'azione eventuale di riduzione della quarantena debba essere abbinata allo screening attraverso i tamponi. La bolla senza screening non è una garanzia. Gli studenti si muovono. Ed è impensabile basarsi sul loro resoconto. A differenza di quanto pensa D'Amato, la scuola non è un aereo".

E guardando al post quarantena la presidente Anp Lazio solleva la questione medici di base: "manca l'informazione capillare. Alcuni ancora neanche sanno di dover fare il certificato di rientro a chi è andato in quarantena, dato che ormai la durata dell'isolamento è differenziata in base allo stato vaccinale. Così i ragazzi tornano in classe alla spicciolata, a me è capitato che prima di essere tutti presenti - conclude - siano state necessarie addirittura due settimane".

di Roberta Lanzara

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli