Italia markets close in 3 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    26.749,28
    +177,55 (+0,67%)
     
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,92 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.600,41
    -204,44 (-0,71%)
     
  • Petrolio

    84,69
    +0,93 (+1,11%)
     
  • BTC-EUR

    54.224,92
    +1.612,92 (+3,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,70 (-3,31%)
     
  • Oro

    1.802,50
    +6,20 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1617
    -0,0028 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    26.132,03
    +5,10 (+0,02%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.191,99
    +3,18 (+0,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8436
    -0,0034 (-0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0670
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4355
    -0,0040 (-0,28%)
     

Scuola e vaccini, Giannelli: negare insegnamento in presenza ai prof non vaccinati

·2 minuto per la lettura
(Photo: Chung Sung-Jun via Getty Images)
(Photo: Chung Sung-Jun via Getty Images)

Chiare le parole pronunciate da Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, il quale ribadisce l’importanza di convincere il restante personale scolastico a vaccinarsi, anche a costo di negare l’insegnamento in presenza ai non vaccinati. Misura a suo parere necessaria per la riapertura delle scuole in sicurezza. “Qualora non si riuscisse a ottenere la vaccinazione, si potrebbe valutare una forma di obbligo, che deve valere per tutti coloro che sono a contatto con l’utenza. Dunque per i non vaccinati non si avrebbe l’accesso a un determinato tipo di attività”. Queste le parole pronunciate dal presidente dell’Anp a Rainews 24.

La stessa Anp, che domani avrà un primo incontro al ministero in vista della ripartenza delle scuole a settembre, ribadisce quanto la riapertura delle scuole a settembre dipenda inevitabilmente dalla diffusione del vaccino: “Bisogna andare oltre le ipotesi sul green pass a scuola. Per riaprire gli istituti in presenza e in totale sicurezza serve l’obbligo del vaccino per il personale scolastico. In questo modo non bisognerebbe applicare il distanziamento, che necessita invece della disponibilità di spazi”. E ancora: “La prossima settimana vedremo il ministro Bianchi e riferiremo anche a lui le nostre posizioni sul vaccino ai prof”.

Giannelli solleva poi l’altro grande tema in ambito vaccinazione, in riferimento ai più giovani, ai microfoni di Radio Cusano Campus: “I pediatri hanno affermato da tempo che sarebbe positivo vaccinare i ragazzi sopra i 12 anni, anche qui è una questione organizzativa perchè i ragazzi di per sè vogliono vaccinarsi. Se non si fa presto è chiaro che per metà settembre non si farà in tempo”.

Se Giannelli e l’Anp hanno posto di fronte ai nostri occhi le tematiche e le necessità più urgenti, interessanti sono le dichiarazioni del sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri, ospite a Tgcom 24. “In realtà, sono 215mila gli insegnanti non vaccinati” contro Covid. “In numero assoluto sembra altissimo, mentre invece è una percentuale bassa rispetto al totale del corpo docente e localizzata in alcune regioni. Credo che una moral suasion sia necessaria in quelle regioni che altrimenti avrebbero seri problemi nella didattica. Ma il 15% di non vaccinati non sarà molto diverso dalla popolazione generale, dove credo che il 15%” delle persone vaccinabili “non si vaccinerà. Dobbiamo fare un’azione di convincimento che può essere fatta anche con piccole cose”. Ha poi aggiunto: “Il consiglio che do ai docenti è di vaccinarsi. Il punto più importante è che devono farlo per loro stessi. Soprattutto gli insegnanti andranno nelle scuole dove sotto i 12 anni il vaccino non esiste ancora e quindi la circolazione virale in quelle classi e il rischio potrà essere più alto. E il docente di 50 anni che si prende il virus” e non è protetto dal vaccino “rischia” maggiormente “di andare in terapia intensiva. Il mio consiglio dunque è: vaccinatevi per voi stessi, prima ancora che per gli altri”.




Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli