Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.248,11
    +206,52 (+1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,80
    -3,69 (-1,09%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Scuola, Exor in campo con Save the children e fondazione Agnelli

Glv
·2 minuto per la lettura

Roma, 27 ott. (askanews) - Exor, la holding della famiglia Agnelli, ha deciso di sostenere durante l'anno scolastico "Arcipelago educativo", il progetto promosso e co-progettato da Save the children e fondazione Agnelli, reso possibile nella sua prima fase dal contributo della fondazione Bolton Hope Onlus. Dopo l'esperienza dell'estate, "Arcipelago educativo prosegue in un anno scolastico difficile e rilancia con nuovi laboratori, percorsi educativi e altre iniziative in presenza e online orientate al recupero degli apprendimenti e al sostegno allo studio per 1.700 studenti in cinque città italiane, con l'obiettivo di contrastare la perdita di apprendimento e il rischio di dispersione scolastica". Le attività di accompagnamento allo studio durante l'anno scolastico si realizzeranno in "centri educativi diffusi" collocati all'interno delle scuole, in contesti marginalizzati, delle città di Torino, Milano, Aprilia (Latina), Bari e Reggio Calabria. In quest'ultima città l'intervento di Save the children si attiva per la prima volta, grazie a Exor. In totale "saranno 11 i centri educativi diffusi realizzati grazie al progetto, cui afferiscono studenti di 47 scuole primarie e secondarie di primo grado, per un totale di circa 1.700 allievi dai 9 ai 14 anni. Si tratta di spazi polifunzionali di prossimità, all'interno delle scuole, dove i ragazzi saranno coinvolti in attività didattiche ed educative (accompagnamento allo studio e laboratori didattici), con l'obiettivo di sostenere nell'apprendimento e nella motivazione allo studio gli studenti maggiormente a rischio dispersione". Particolarmente innovativa sarà "l'attivazione di 330 tutoraggi personalizzati, in modalità online, per il recupero e il rafforzamento delle competenze di base in materie specifiche (lettura, matematica, scienze, lingue straniere), con giovani tutor (universitari volontari) formati da Save the children, in collaborazione con diversi atenei. Questi percorsi si attiveranno dopo la valutazione di metà anno scolastico, su segnalazione dei docenti referenti delle scuole, in condivisione con le famiglie". "La scuola e l'istruzione - sottolinea il presidente di Exor, John Elkann - rappresentano il cuore dell'impegno sociale di Exor e delle sue società. In un anno segnato da tante difficoltà abbiamo scelto di sostenere gli studenti, a partire da quelli più esposti al rischio di rimanere indietro nel loro percorso scolastico. Grazie a Save the children e alla fondazione Agnelli, potremo aiutarli a costruire un metodo di studio più efficace e a rafforzare le loro conoscenze. E saremo vicini alle loro famiglie, in particolare a quelle che più faticano a sostenere nello studio i propri figli, coinvolgendole e aiutandole a dialogare con le scuole".