Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.064,25
    +271,58 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    14.895,12
    +114,58 (+0,78%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1839
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    34.603,26
    +750,73 (+2,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.005,54
    +29,64 (+3,04%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.429,10
    +26,44 (+0,60%)
     

Se vaccino CureVac fallisse aziende partner potrebbero produrre altri composti - Ceo

·1 minuto per la lettura
Una dose del vaccino CureVac, oppure un placebo, fotografato durante uno studio condotto dalla casa farmaceutica tedesca.

FRANCOFORTE (Reuters) - CureVac potrebbe consentire alla sua rete di partner produttori di essere riqualificata per realizzare i vaccini sviluppati da altre aziende se quello sperimentale dell'azienda biotecnologica tedesca dovesse rivelarsi un fallimento.

È quanto riferito a Reuters dal Ceo di CureVac.

L'azienda tedesca ha assistito alla riduzione di miliardi di euro di valore di mercato dopo che il vaccino che ha sviluppato contro il Covid-19 si è rivelato efficace solamente al 47% nell'ambito di un trial iniziale, minando la fiducia degli investitori sulla possibilità del composto di competere con i vaccini rivali.

"Al momento siamo chiaramente impegnati appieno nell'ottenimento dell'autorizzazione, come mostreranno i dati", ha detto il Ceo Franz-Werner Haas a Reuters TV, riferendosi ai risultati finali non ancora pubblicati.

"Se questa capacità non verrà impiegata -- siamo al lavoro con un'intera rete di partner eccellenti -- ... queste aziende saranno chiaramente libere di realizzare altri prodotti qualora non riuscissimo a ottenerne uno", ha detto il Ceo dell'azienda.

Tra i partner di CureVac addetti alla produzione rientrano la svizzera Celonic Group, Novartis, Bayer, Fareva, Wacker e Rentschler Biopharma SE.

Haas ha tuttavia sottolineato che gli sforzi di CureVac per produrre una nuova generazione di vaccini, impresa che vede la collaborazione di GlaxoSmithKline, avranno la precedenza e che l'azienda continuerà a ricorrere a fornitori esterni per raggiungere l'obiettivo.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli