Sea-Serravalle: accordo Comune-Provincia, scambio azioni entro 15 luglio

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BDB.MI3,200,04
ATL.MI18,500,50

(ASCA) - Milano, 26 apr - Due mesi e mezzo di tempo per nominare gli advisor, definire il valore di Sea e Serravalle, stabilire l'entita' dell'eventuale conguaglio economico e incassare il via libera dei rispettivi consigli. Comune e Provincia di Milano accelerano sullo scambio di azioni tra Sea e Serravalle e lo fanno sottoscrivendo una lettera di intenti che fissa il termine temporale del 15 luglio. ''Questo accordo - commenta il sindaco Giuliano Pisapia - da' garanzie per una soluzione equa e vantaggiosa per il futuro delle due societa'. Ed e' un'intesa che rappresenta una grande novita' nel rapporto istituzionale tra due soggetti istituzionali sostenuti da due maggioranze politiche di diverso colore ma che guardano al ben comune e non a interessi di parte''. Dello stesso tono le parole del presidente Guido Podesta': ''Questo accordo e' il frutto di un'atmosfera che punta alla collaborazione tra Comune e Provincia nell'interesse dei cittadini e del territorio. E' un esempio concreto di buona amministrazione: anziche' metterci in concorrenza su Sea e Serravalle, puntiamo a valorizzare l'investimento dei nostri cittadini''. E' quindi partito il conto alla rovescia. Tanto per comunciare bisognera' individuare tre advisors, uno nominato dal Comune, uno dalla Provincia e un terzo che avra' l'ultima parola sul valore delle due societa' e sulla determinazione del conguaglio. Perche' e' chiaro che le due societa', Sea e Serravalle, hanno un valore economico diverso e che, per pareggiare i conti, Palazzo Marino dovra' sicuramente versare nelle casse della Provincia diverse decine di milioni di euro a titolo di conguaglio. Ma secondo il sindaco di Milano e' ancora troppo presto per azzardare previsioni sul suo valore: ''Ci siamo fatti un'idea sul conguaglio - spiega Pisapia - ma e' meglio lasciare la parola agli esperti''. E non c'e' certezza neppure su questo fronte: non e' infatti detto che Palazzo Marino confermi l'incarico a Kpmg, la societa' gia' incaricata della perizia sul valore del 29,75% di Sea ceduto dal Comune nel 2011 per centrare gli obiettivi di bilancio. ''Stiamo valutando non solo l'advisor - chiarisce su questo il primo cittadino milanese - ma anche il suo costo''. Da sciogliere, poi, c'e' un nodo tutto politico. Perche' per andare in porto, l'operazione dovra' avere il voto favorevole del consiglio comunale e di quello provinciale dopo un passaggio nelle rispettive commissioni e giunte. E i rischi sono dietro l'angolo per uno scambio azionario che richiedera' un consistente impegno economico per tutti i protagonisti della partita: se infatti da un lato Palazzo Marino dovra' mettere mano al portafoglio per il conguaglio, dall'altro Palazzo Isimbardi sara' costretto a ricapitalizzare Serravalle attraverso Asam, societa' pubblica partecipata anche dalla Provincia di Monza e Brianza (Milano: BDB.MI - notizie) , oppure a diluire la propria quota. ''Una volta andata in porto l'operazione - osserva a questo proposito Podesta' - la Provincia avra' in portafoglio circa il 70% di Serravalle, il 68% di Pedemontana, il 48% di Tem e circa il 10% di Brebemi. Partecipazioni che, messe insieme, richiedono circa 8 miliardi di investimenti. E siccome c'e' la necessita' di non fermare i cantieri, dovremo trovare capitali sia attraverso operazioni di equity sia tramite il rifinanziamento del debito. Il punto non e' annacquare la nostra partecipazione in Serravalle, la questione e' aprire ad altri investitori''. L'obiettivo della Provincia, ricorda ancora Podesta', e' razionalizzare queste partecipazioni in un'unico soggetto societario, una holding ''che sarebbe il terzo gruppo autostradale italiano''. Per farlo, pero', servono capitali. ''Gia' oggi abbiamo tre grandi soci, Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) , Autostrade (Milano: ATL.MI - notizie) per l'Italia e il Gruppo Gavio'', precisa Podesta' pronto ad assicurare che ''ci sono altri gruppi interessati'' a cominciare da F2i di Vito Gamberale.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00%  

Ultime notizie dai mercati