Italia Markets close in 51 mins

Sedare le aragoste con marijuana prima di cucinarle, la trovata della chef

Le aragoste, così come granchi e gamberi, possono provare dolore e la pratica per bollirle quando sono ancora vive non va giù a diversi consumatori e non solo. Ecco allora che Charlotte Gill, chef del Charlotte’s Legendary Lobster Pound nello Stato del Maine, ha avuto un trovata: sedare i crostacei con la marijuana per rendere la morte meno dolorosa.

Una scelta coraggiosa quella della chef che, secondo quanto riportato dalla BBC online, vuole discostarsi dalla pratica comune e utilizzata da tutti gli chef di bollire vivi i crostacei. Secondo la cuoca del Legendary Lobster Pound ricorrere alla marijuana, che nel Maine è legale, non guasterebbe la qualità del crostaceo, anzi il gusto sarebbe migliore e si eviterebbero sofferenze all'aragosta stessa. Il procedimento, però, non è automatico.

Di volta in volta, infatti, è il cliente a scegliere quale operazione dovrà essere eseguita in cucina, se cioè sedare il crostaceo o bollirlo vivo. Dalla cucina hanno fatto sapere che qualsiasi scelta sarà ben accetta.