Italia Markets closed

Seduta positiva sui Mercati azionari

Giancarlo Marcotti

Il giorno dopo Draghi le Borse continuano ad essere positive, ma senza euforia. Il Presidente della Bce, in uscita, ha fatto qualcosa, tanto perché non si possa dire che non le ha provate tutte, ma il primo a non crederci … è lo stesso Draghi, e lo ha esplicitato lui stesso durante la conferenza stampa che segue le decisioni prese dalla Bce.

Comunque, niente di male, anzi, un passettino in avanti per Parigi (+0,2%), Londra (+0,3%) e Francoforte (+0,5%).

Anche a Piazza Affari l’indice di riferimento il Ftse Mib (+0,44%) ha concluso la settimana con un guadagno in una seduta dopotutto poco volatile.

Sul nostro FtseMib un protagonista assoluto, in negativo, Atlantia (-8,08%) dopo le misure cautelari nei confronti di tre tecnici di Autostrade, accusati di aver “modificato” alcuni report.

Da segnalare poi il nuovo dietro-front di Recordati (-3,22%), ed i cali di Campari (-2,11%) ed Amplifon (-1,63%).

Giornata negativa anche per le utilities, dopo i guadagni della vigilia, un nuovo stop per tutti i titoli del settore: Terna (-1,56%), Italgas (-1,02%), Snam Rete Gas (-1,01%), Hera (-0,95%), Enel (-0,32%) ed A2A (-0,31%).

Ed allora chi ha trainato al rialzo il nostro indice principale? Ovviamente i titoli del comparto bancario, queste le performances: Finecobank (+4,52%), Unicredit (+4,30%), Ubi Banca (+3,19%), Intesa Sanpaolo (+2,80%), Bper Banca (+2,53%), Banco BPM (+2,06%) e Mediobanca (+0,94%).

Va segnalato però con particolare enfasi il guadagno di Pirelli (+2,17%), che ha messo a segno il settimo rialzo nelle ultime otto sedute, dopo i minimi toccati il 20 agosto ora il titolo sta facendo segnare un guadagno anche nella classifica dell’anno in corso.

Classifica sempre comandata da Azimut (+1,57%) che ha fatto un passo in avanti anche oggi, l’obiettivo ora è semplicemente di raddoppiare il valore del titolo rispetto alla quotazione con la quale aveva concluso il 2018.

Concludiamo ricordando anche le buone performances di Cnh Industrial (+1,91%), Unipol (+1,62%) e Prysmian (+1,60%).

Al momento Wall Street viaggia sulla parità, soltanto il DJ sta mettendo a segno un piccolo guadagno.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro          

Sei un appassionato di trading?

Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online