Italia Markets closed

Seggiolini antiabbandono, come devono essere e dove comprarli

webinfo@adnkronos.com

Dopo l'entrata in vigore dell'obbligo di seggiolini o dispositivi antiabbandono per chi trasporta in auto bimbi sotto i 4 anni, è corsa a mettersi in regola per evitare pesanti sanzioni. Ma l'inaspettata accelerazione da parte del Viminale ha spiazzato tutti, negozianti compresi, attualmente spesso non in grado di soddisfare le tante richieste. Molti genitori si stanno quindi rivolgendo a Internet ma nella fretta il rischio di comprare qualche dispositivo non a norma è alto. 

I REQUISITI - Come ben chiarito dal regolamento del Mit, il dispositivo antiabbandono può essere integrato all'origine nel seggiolino o essere indipendente. L'importante è che si attivi automaticamente e in caso di abbandono del bambino in auto emetta segnali visivi e acustici o visivi e di vibrazione percepibili all’interno o all’esterno dell'auto. O, nel caso di dispositivi dotati di un sistema di comunicazione automatico (collegati con lo smartphone attraverso una app), invii messaggi di allarme o chiamate ai numeri di emergenza preimpostati indicando la geolocalizzazione del mezzo. 

DUE OPZIONI - Per mettersi in regola le possibilità sono due: comprare un seggiolino nuovo che abbia integrato il sistema di allarme o aggiungere al vecchio seggiolino un accessorio (spesso un cuscino che rileva il peso del bimbo) che svolga la stessa funzione. Ma attenzione: nel secondo caso bisogna verificare che l'aggiunta del dispositivo "nell'interazione con il veicolo o con l'apposito sistema di ritenuta", come recita il dispositivo ministeriale, non ne alteri le caratteristiche di omologazione. 

DOVE COMPRARE - Seggiolini e dispositivi integrativi di allarme possono essere acquistati nei più forniti negozi di prodotti per bambini o on-line. Ma attenzione: prima dell'acquisto del dispositivo via web è consigliabile verificare la conformità alle caratteristiche tecniche o, per cautelarsi, chiedere al venditore la dichiarazione di conformità che è possibile scaricare onlinein quanto un facsimile è disponibile nell'ultima pagina del regolamento del Mit. 

I COSTI - I costi dei vari dispositivi oscillano in media tra i 30 e i 70 euro per i dispositivi integrativi e tra i 60 e i 250 euro per i seggiolini con l'anti-abbandono integrato. Ma "per agevolare l'acquisto dei dispositivi - ricorda il ministero dei Trasporti in una nota - nel Decreto fiscale è stato istituito un fondo per il riconoscimento di un contributo economico di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato ". E "nei prossimi giorni verrà approvato il Decreto che disciplina le modalità per l’erogazione del contributo". Insomma, il suggerimento è di mettere da parte lo scontrino in vista di un rimborso.