Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.120,07
    -612,03 (-1,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Segno meno per il Ftse Mib in avvio di settimana

·1 minuto per la lettura

Causa lo stacco della cedola per 18 dei suoi componenti, la settimana del Ftse Mib è iniziata con il segno meno. Stimato al -0,89%, l’effetto cedola su quasi la metà dei titoli componenti dell’indice delle blue chip, lo ha fatto scendere nella prima seduta dell’ottava dello 0,34% a 24.891,24 punti. Andamento speculare per lo spread, salito dello 0,42% a 111 punti base.

Sul paniere principale spicca il rally di BPER Banca, salita del 6,42% sempre in scia delle indicazioni relative il consolidamento del comparto. Rialzo con motivazioni simili per Banco BPM (+1,65%) e +1,05% di Intesa Sanpaolo. Denaro anche sui titoli del risparmio gestito con il +3,12% di Azimut, il +1,64% di Banca Generali ed il +1,41% di Banca Mediolanum.

Segno più per Campari (+0,67%) dopo che l’Ad Bob Kunze-Concewitz ha preannunciato che la società proseguirà con la campagna acquisizioni con un focus particolare su Stati Uniti e Asia.

La performance peggiore sul Ftse MIb è stata registrata da CNH Industrial (-1,22%) e, nel comparto energetico, segnaliamo il +0,09% di Tenaris ed +0,66% di Eni (+2,6% del Brent a 68 dollari al barile).

Sul completo, giornata positiva per le azioni Juventus (+1,62%) in scia della qualificazione alla prossima edizione della Champions League (che dovrebbe garantire un contributo di oltre 80 milioni di euro). (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli