Italia markets close in 5 hours 25 minutes
  • FTSE MIB

    25.563,82
    +200,80 (+0,79%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,03 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,62 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.781,02
    +497,43 (+1,82%)
     
  • Petrolio

    73,03
    -0,92 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    33.271,13
    -2.161,07 (-6,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    964,64
    +14,74 (+1,55%)
     
  • Oro

    1.811,40
    -5,80 (-0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,1899
    +0,0024 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    26.235,80
    +274,77 (+1,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.119,90
    +30,60 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8545
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0763
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,4815
    +0,0014 (+0,10%)
     

Semiconduttori, situazione 'ancora difficile' per forniture - Ceo Infineon

·1 minuto per la lettura
Il kit microcontroller XMC 4700 di Infineon fotografato durante una mostra in Germania.

di Douglas Busvine

BERLINO (Reuters) - Le pressioni sulla filiera dei semiconduttori sono aumentate in alcune zone del mondo, in un contesto in cui fenomeni come il lavoro da remoto si combinano con la ripresa industriale dalla recessione innescata lo scorso anno dalla pandemia, incrementando la domanda di chip.

È quanto affermato da Reinhard Ploss, Ceo della tedesca Infineon, nel corso di un'intervista a Reuters.

Le possibilità per i produttori di semiconduttori di aumentare la capacità sono limitate, mentre in Asia alcune aziende si ritrovano ad affrontare ulteriori limitazioni alla produzione nel tentativo di contenere focolai di Covid tra la forza lavoro, ha detto Ploss.

"La situazione è ancora difficile -- in alcune zone è addirittura più che difficile", ha affermato Ploss, 65 anni, nel corso dell'intervista.

I fenomeni legati alla pandemia come il lavoro da remoto e la didattica a distanza hanno incrementato la domanda di prodotti di elettronica di consumo di alto livello, andando a fare pressione sulle forniture dei chip con margini minori per i produttori e costringendo molti case automobilistiche a sospendere la produzione nel primo semestre del 2021.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli