Italia markets close in 7 hours 17 minutes
  • FTSE MIB

    23.190,89
    -73,97 (-0,32%)
     
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • Petrolio

    59,81
    -0,83 (-1,37%)
     
  • BTC-EUR

    40.885,76
    +1.661,99 (+4,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    987,34
    +0,69 (+0,07%)
     
  • Oro

    1.720,20
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,2005
    -0,0055 (-0,46%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     
  • HANG SENG

    29.095,86
    -356,71 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.695,98
    -10,64 (-0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8652
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,1024
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,5232
    +0,0001 (+0,00%)
     

Senatori in prestito e lite sul simbolo. La nascita travagliata dei Costruttori

Federica Fantozzi
·Giornalista
·2 minuto per la lettura
Senatori in prestito e lite sul simbolo. La nascita travagliata dei Costruttori (Photo: hp)
Senatori in prestito e lite sul simbolo. La nascita travagliata dei Costruttori (Photo: hp)

Battesimo con lite, e scattano i prestiti. Nasce al Senato - dopo un travaglio complicato quanto mediatico - il gruppo Europeisti Maie Centro Democratico, l’avanguardia “contiana” che dovrebbe attrarre i numeri decisivi per varare il Conte Ter con i paletti richiesti dal Quirinale. Ma all’ultimo istante, tra i dieci senatori non compare Sandra Lonardo, in prima fila nell’operazione “responsabili”. Il decimo nome, aggiunto a penna sulla lettera inviata alla presidente Elisabetta Casellati, è invece quello di Tatiana Rojc, senatrice friulana del Pd.

Un prestito agli alleati per riuscire a formare il gruppo. Chissà se con diritto di riscatto, lo si scoprirà più avanti. Non è l’unico: anche il senatore Gianni Marilotti, eletto in Sardegna con i Cinquestelle e poi passato al gruppo delle Autonomie, si è messo una mano sulla coscienza. “Quando la Lonardo ha deciso di non aderire, mi hanno chiesto se volessi partecipare al gruppo e ho deciso di dare una mano”.

All’origine del conflitto – raccontano – lo screzio con la neo senatrice di maggioranza Mariarosaria Rossi (ex berlusconiana di ferro) che si è opposta all’inserimento nel simbolo del gruppo anche del logo “Noi campani”, presentato dai Mastella alle scorse Regionali a sostegno di Enzo De Luca. Un embrione del contenitore “Meglio Noi” con cui Clemente Mastella intende convogliare i centristi in tutta l’area del Mezzogiorno in vista delle prossime elezioni politiche.

La Rossi è originaria del Casertano, i Mastella come noto hanno radici e vivaio elettorale (grazie al vecchio Udeur) a Ceppaloni, provincia di Benevento di cui Clemente è attualmente sindaco. È finita, per il momento, con lo strappo: “Sostengo Conte ma non entro in un gruppo privo di omogeneità. Noi stiamo dando vita a un altro fuori dal Parlamento” ha...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.