Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.454,81
    -880,76 (-3,11%)
     
  • Nasdaq

    11.270,08
    -278,21 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1825
    -0,0044 (-0,37%)
     
  • BTC-EUR

    10.908,32
    -190,76 (-1,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,16
    -6,26 (-2,38%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.375,58
    -89,81 (-2,59%)
     

"Senza costi e senza rischi": Panetta (Bce) spiega l'euro digitale

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 12 ott. (askanews) - A differenza dei sistemi di pagamento digitali attuali, un euro digitale "sarebbe senza costi, senza commissioni e totalmente sicuro: sarebbe moneta della Banca centrale, come le banconote, esente da rischio, solo che invece di tenerlo nel portafogli starebbe nel nostro smartphone o computer". Lo ha spiegato Fabio Panetta, componente del Comitato esecutivo della Bce, presentando un rapporto sull'euro digitale alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo. Uno dei motivi per procedere verso un euro digitale è che "ci troviamo in una situazione in cui consumatori e imprese si stanno spostando rapidamente verso i pagamenti digitali". E "cosa succederebbe - si è chiesto retoricamente il banchiere centrale - se sulla moneta digitale si presentasse un fornitore straniero, che apparentemente offrisse servizi in linea con le richieste di cittadini e imprese?". "Sarebbe impensabile per l'area euro avere un provider di pagamenti esterno. Pensate solo alla capacità che avrebbe di accedere ai dati dei consumatori, ai possibili utilizzi a fini di lucro o addirittura abusi. Non possiamo accettarlo, dobbiamo preservare la nostra sovranità". "L'euro digitale affiancherebbe l'euro fisico e manterremo l'euro fisico fino a quando vi sarà domanda. Manterremo sempre la guida della politica monetaria - ha concluso Panetta - non sarà mai affidata a algoritmi o all'intelligenza artificiale".