Italia markets close in 2 hours 38 minutes
  • FTSE MIB

    25.741,20
    +23,78 (+0,09%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.161,80
    +213,07 (+0,74%)
     
  • Petrolio

    71,61
    +0,70 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    32.563,32
    +2.677,05 (+8,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,63
    +39,81 (+4,23%)
     
  • Oro

    1.850,30
    -29,30 (-1,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2123
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.131,84
    +5,14 (+0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8587
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0893
    +0,0023 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4731
    +0,0017 (+0,12%)
     

Sequestrati beni a imprenditore ritenuto vicino a Messina Denaro

·2 minuto per la lettura

Roma, 3 giu. (askanews) - A Castelvetrano (Trapani) la DIA ha sequestrato beni per un valore di oltre 300mila euro all'imprenditore Carlo Cattaneo, 35 anni, attivo nel settore dei giochi e delle scommesse, indiziato di appartenere a Cosa nostra. Il decreto di sequestro è stato emesso dalla Sezione Penale e Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani, su proposta avanzata congiuntamente dal direttore della DIA Giuseppe Governale e dal procuratore di Palermo. L'attività si basa sulle acquisizioni investigative dell'operazione "Anno zero", svolta nel 2018, nel cui ambito furono eseguiti provvedimenti di fermo e decreti di sequestro emessi dalla DDA di Palermo nei confronti di numerosi affiliati a famiglie mafiose del mandamento di Castelvetrano, fra i quali Carlo Cattaneo e Rosario Allegra (recentemente deceduto), cognato del latitante Matteo Messina Denaro per averne sposato la sorella Giovanna, accusati rispettivamente di concorso esterno e partecipazione in associazione di tipo mafioso. Le indagini, suffragate anche dalle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, dimostrarono come l'espansione, nella Sicilia occidentale, delle agenzie di scommesse affiliate a siti di gioco on line (illeciti) sponsorizzati da Cattaneo, fosse strettamente correlata alla sua interazione con la mafia. Tali rapporti d'affari erano stati avviati, fra il 2012 e il 2013, per iniziativa di Francesco Guttadauro (definitivamente condannato per associazione mafiosa, nonché nipote prediletto di Matteo Messina Denaro) e continuarono, anche dopo l'arresto di quest'ultimo (avvenuto nel dicembre 2013), tramite Rosario Allegra, che, a fronte di protezione, riscuoteva dal Cattaneo periodiche somme di denaro, utilizzate sia per il sostentamento dei familiari del latitante, sia per quello dell'organizzazione mafiosa. Il sequestro - scaturito da accertamenti patrimoniali svolti dalla DIA che hanno svelato una netta sperequazione fra i redditi dichiarati e gli investimenti sostenuti da Cattaneo per l'attività d'impresa - ha riguardato: quote e intero compendio aziendale di 2 società di capitali ed 1 ditta individuale (a Palermo e a Castelvetrano) del settore della ristorazione e dei servizi informatici di gestione di sale giochi e scommesse; un appartamento, un appezzamento di terreno ed un fabbricato in corso di costruzione a Castelvetrano; diverse autovetture e motocicli; 4 conti correnti bancari, una polizza, depositi e rapporti con istituti di credito.