Italia markets close in 1 hour 56 minutes
  • FTSE MIB

    23.978,82
    +102,74 (+0,43%)
     
  • Dow Jones

    31.882,76
    -45,86 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    11.273,69
    +9,24 (+0,08%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    110,54
    +0,77 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    27.704,47
    +90,14 (+0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    656,67
    -14,34 (-2,14%)
     
  • Oro

    1.850,60
    -14,80 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,0667
    -0,0071 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    3.941,87
    +0,39 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,17
    +9,61 (+0,26%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    -0,0043 (-0,51%)
     
  • EUR/CHF

    1,0258
    -0,0052 (-0,51%)
     
  • EUR/CAD

    1,3695
    -0,0062 (-0,45%)
     

Sequestrato a Torino un carico di finta avena biologica

·1 minuto per la lettura

AGI - I Carabinieri del Nas di Torino nei giorni scorsi hanno eseguito un maxi sequestro di avena presso un mulino della Val Sangone, deferendo in stato di libertà il titolare. I militari hanno sottoposto a sequestro quasi 780 tonnellate del suddetto cereale, custodito all'interno di 4 silos e in circa 400 "big bag", per un valore economico complessivo di circa 4 milioni e 800 mila euro, conservato all'interno di 2 depositi non autorizzati in precarie condizioni igienico-sanitarie per la presenza di sporcizia, ragnatele e numerose lacerazioni dei sacchi contenitori.

In particolare, i militari hanno contestato al titolare dell'attività l'aver etichettato circa 195 kg. di prodotto come "biologico", in realta' proveniente dall'Est Europa e di tipo convenzionale, nonché la mancanza delle previste indicazioni relative alla tracciabilità del prodotto.

Inoltre, i Carabinieri hanno anche rinvenuto quasi 6 tonnellate di prodotti alimentari di scarto da precedenti lavorazioni destinato alla rimacinatura per il successivo reimpiego come "pasta secca biologica". Per tali ragioni il titolare è stato denunciato in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria per i reati di frode nell'esercizio del commercio e di detenzione per l'utilizzo di alimenti in cattivo stato di conservazione.

L'attività rientra nell'ambito di una più ampia campagna di controllo disposta dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute rivolta al contrasto del fenomeno illecito della contraffazione alimentare per la salvaguardia delle tecniche impiegate nell'agricoltura per lo sviluppo e il mantenimento delle biodiversità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli