Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,56 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,27 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,88 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.592,46
    -295,27 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,68 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Servizi di recapito per l'Inps, il Tar del Lazio dà ragione a Poste Italiane

(Adnkronos) - In collaborazione con TGPoste.poste.it

Il TAR del Lazio ha respinto il ricorso presentato da Fulmine Group per l’annullamento della gara per i servizi di recapito e di gestione della corrispondenza dell’INPS, alla quale ha partecipato Poste Italiane.

L’operatore postale palermitano – ha riferito il TGPoste nell’edizione di oggi - aveva impugnato l’obbligo di garantire una copertura geografica del 100% della popolazione e l’impossibilità di affidare a Poste Italiane, in qualità di fornitore del Servizio Universale, le spedizioni verso aree non coperte autonomamente.

Recependo la linea difensiva di Poste Italiane e dell’Inps, il Tar con sentenza numero 01742 del 12 agosto 2022 ha invece stabilito che la suddivisione dell’appalto in lotti, unita alla possibilità di formare gruppi temporanei di imprese e al subappalto, abbiano consentito a tutti di competere ad armi pari con Poste Italiane, salvaguardando la tutela della concorrenza, l’efficienza e la capillarità del servizio.

La pronuncia del giudice amministrativo sgombera il campo dalle obiezioni sollevate a più riprese anche degli organi regolatori, secondo le quali, imponendo coperture territoriali estese, i bandi per l’affidamento del servizio di recapito offrirebbero un vantaggio ingiusto a Poste Italiane.