Italia Markets close in 1 hr 34 mins

Sette opportunità di investimento tematico in tempo di pandemia secondo Invesco

Virgilio Chelli
·3 minuti per la lettura
Sette opportunità di investimento tematico in tempo di pandemia secondo Invesco
Sette opportunità di investimento tematico in tempo di pandemia secondo Invesco

E-commerce, intelligenza artificiale, ma anche Esg e droni tra le aree ritenute particolarmente interessanti dalla Chief Global Market Strategist Kristina Hooper

La pandemia da Covid-19 ha modificato profondamente l'economia globale e il mondo stesso. Già prima della crisi gli investitori avevano già iniziato a perseguire approcci tematici per sfruttare al meglio le tendenze globali, ma negli ultimi mesi sono emersi numerosi temi d'investimento, con un'accelerazione di quelli esistenti. Secondo Kristina Hooper, Chief Global Market Strategist Invesco, è probabile ad esempio che, anche una volta terminata la pandemia, gli operatori di e-commerce continuino a mantenere una quota molto più elevata di vendite al dettaglio complessive rispetto al periodo precedente.

COMPORTAMENTI DI PERSONE E AZIENDE

Il primo dei sette temi di investimento individuati dall’esperta di Invesco è lo "Stare a casa", una versione molto più ampia del tema di 'nesting', comune negli Stati Uniti dopo l'11 settembre. Con il Covid, molte persone stanno spendendo per ristrutturare casa e adeguarla alle nuove esigenze, mentre le aziende stanno spendendo di più in tecnologia per garantire ai dipendenti di lavorare in modo efficiente da casa. I principali beneficiari del trend sono una serie di aziende tecnologiche, in particolare nei settori software, archiviazione e sicurezza, ma anche le imprese di ristrutturazione, di didattica online e di sanità digitale.

TENDENZE DI LUNGO TERMINE

Poi c’è ovviamente l’E-commerce, tendenza a lungo termine che con la pandemia ha subito una drastica accelerazione, con una probabile ulteriore espansione anche una volta terminata la pandemia. Quindi l’Intelligenza artificiale, la cui domanda è aumentata con la pandemia, ad esempio per le tecniche e gli strumenti di imaging basate che stanno diventando sempre più utili per la diagnosi del Covid-19. L’esperta di Invesco cita anche il natural language processing, che si concentra sulle interazioni tra linguaggio umano e dei computer, come con il riconoscimento vocale.

DALL’AUTOMAZIONE SPINTA ALLA PRODUTTIVITÀ

Subito dopo viene l’Automazione fatta di droni e robot, capaci di eseguire compiti essenziali senza incorrere nella possibilità di contagio o diffusione del virus, come nel caso delle catene di montaggio robotizzate o dei droni impiegati per la consegna di beni. Anche dopo la pandemia, Invesco prevede un'ulteriore accelerazione dell'automazione per migliorare la produttività e contenere i costi associati. Il quinto tema è il Fintech, che ha visto un'accelerazione dovuta alla pandemia dei pagamenti senza contanti, in un trend che anche qui si prevede continui dopo la pandemia. I beneficiari più rilevanti potrebbero essere le aziende legate alla blockchain, che trova applicazione in molti settori diversi e può facilitare gli scambi commerciali senza contatto fisico.

DEGLOBALIZZAZIONE E NAZIONALISMO

La lista tematica di Invesco prosegue con la Deglobalizzazione, anche questa una tendenza accelerata dalla pandemia dopo l'impennata degli ultimi anni, in particolare per le guerre commerciali tra Usa e Cina, nel momento in cui le catene di approvvigionamento sono state stravolte, aumentando il desiderio delle aziende di tornare onshore. Il nazionalismo era una tendenza già forte prima della crisi, adesso sta crescendo sempre di più. Se continuerà ancora dipende anche dall'esito delle elezioni presidenziali statunitensi.

IL MOMENTO DEL GRANDE RESET

All’ultimo posto, ma non certo per importanza, il tema sicuramente più vasto, vale a dire l’investimento ESG per il quale Invesco parla di Grande Reset, perché pandemia e recessione sono possibili catalizzatori di un'economia più "green" e, in generale sostenibile. Questo, secondo l’esperta di Invesco, potrebbe trasformarsi in una "distruzione creativa", in grado di generare un'economia migliore e più rispettosa dell'ambiente. Sembra esserci un desiderio generalizzato di un Grande Reset in molti Paesi, questo potrebbe essere il momento giusto per concretizzarlo.