Italia markets open in 8 hours 6 minutes
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.781,02
    +497,43 (+1,82%)
     
  • EUR/USD

    1,1879
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    33.200,70
    -1.003,19 (-2,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    951,68
    -9,21 (-0,96%)
     
  • HANG SENG

    26.235,80
    +274,77 (+1,06%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     

Sfruttare l’opportunità di orientare i portafogli su Europa e Giappone

·5 minuto per la lettura
Sfruttare l’opportunità di orientare i portafogli su Europa e Giappone
Sfruttare l’opportunità di orientare i portafogli su Europa e Giappone

Mentre si insiste con i vaccini per riavviare le attività, sembra prezzata la maggior parte del rimbalzo economico. Giappone e Europa hanno comunque valutazioni attraenti con l’Italia tornata ad essere investibile

INSISTERE CON I VACCINI PER RIMETTERE IN MOTO L’ECONOMIA

Una campagna vaccinale più rapida del previsto, “potrebbe fornite supporto marginale alla ripresa della spesa dei consumatori, che finora è rimasta indietro rispetto al rimbalzo dell’economia più in generale”, scrive nell’articolo Schroders: l’accelerata cinese sui vaccini può trainare gli altri mercati emergenti David Rees, Senior Emerging Markets Economist di Schroders. “Il livello relativamente contenuto di consumi riflette alcuni cambiamenti strutturali dell’attività economica, per esempio il lavoro da remoto, insieme all’assenza apparente di una ripresa solida del mercato del lavoro. Ma se l’esitazione riguardo al Covid è stata un vento contrario per i consumi, ciò dovrebbe venir meno man mano che il tasso di vaccinazione cresce”. A questo proposito – aggiunge l’esperto di Schroders – vale la pena ricordare che Cina e Russia stanno tentando di riempire il vuoto dei vaccini in queste aree del mondo. Pechino, in particolare, aveva già deciso di fornire il suo vaccino domestico a gran parte dei Paesi africani e dell’America Latina, oltre che ad alcune aree dell’Asia e dell’Europa.

CRESCITA COSTANTE E SOSTENIBILE

Nelle crisi i flussi di cassa calano, ma le società che beneficiano di economie di scala riescono comunque ad aumentare significativamente il fatturato e ad effettuare notevoli investimenti nelle risorse anche digitali, senza incidere sul bilancio, un’impresa praticamente impossibile per i concorrenti. Sono queste le società privilegiate dal team International Equity di Morgan Stanley Investment Management, aziende in grado di generare un rendimento sul capitale operativo impiegato (ROCE) elevato e sostenibile, realizzando una crescita costante e prevedibile nel corso del tempo. Nell’articolo Perché scegliere le aziende capaci di investire anche nei momenti più duri Marcus Watson, Executive Director del team International Equity, spiega che queste società di alta qualità presentano il doppio vantaggio delle economie di scala e della diversificazione e fa il caso dei due leader globali di abbigliamento sportivo che, vantando dimensioni e competenze per superare la concorrenza, negli ultimi anni sono riuscite ad aumentare le vendite senza rinunciare agli investimenti, come durante la pandemia.

PREZZATA LA MAGGIOR PARTE DEL RIMBALZO

Il Composite Economic Momentum Index di Amundi indica che la maggior parte dell’accelerazione è alle spalle e che le aspettative hanno già prezzato la maggior parte del rimbalzo, anche se un possibile rialzo dei tassi da parte della Fed è ancora lontano. L’aumento dell’inflazione può comunque impattare sull’outlook dei tassi e mette sotto pressione i titoli tecnologici e le attività dei mercati emergenti. Questo, come specificato nell’articolo Ripresa post-Covid, Amundi si concentra su queste tre aree di investimento, non cambia comunque la view positiva a medio termine di Amundi sulle obbligazioni dei mercati emergenti come fonte di reddito e sulle azioni dei mercati emergenti per declinare temi legati alla crescita come l’Asia e la Cina.

OPPORTUNITÀ DI ORIENTARE I PORTAFOGLI

Riassumendo le considerazioni illustrate nell’articolo Neuberger Berman: non siamo alla fine del rally azionario, la volatilità può essere un’occasione da Erik Knutzen, Chief Investment Officer – Multi-Asset Class di Neuberger Berman, anche se nelle ultime settimane il dibattito e le valutazioni dei mercati si stanno muovendo su due traiettorie distinte e non più unidirezionali, su un orizzonte di 12 mesi non si scorgono grandi cambiamenti nei fondamentali. Knutzen, inoltre, ritiene che la volatilità bidirezionale sia uno sviluppo positivo e che potrà far aumentare il numero di opportunità per orientare i portafogli dei clienti verso una maggior esposizione ai titoli value, ciclici e orientati alla ripresa.

FOCUS SULL’EUROPA E CICLICI SEMPRE MEGLIO DEI DIFENSIVI

Nell’articolo Raiffeisen vede l’azionario europeo favorito anche nel secondo semestre Kurt Schappelwein, Head of Multi-Asset strategies di Raiffeisen Capital Management, sottolinea che questo scenario di ripresa economica e aziendale è stato in un certo senso già anticipato dagli investitori azionari europei, dato che la maggior parte dei mercati sono in rialzo a due cifre dall’inizio dell’anno, ma aggiunge di vedere ancora spazio per ulteriori rialzi, poiché il flusso di notizie sarà costantemente positivo nei mesi a venire. La curva dei progressi potrebbe appiattirsi rispetto alla prima metà dell’anno, avverte l’esperto di Raiffeisen, ma il percorso di minor resistenza è ancora in salita per le azioni europee. In termini di settori all’interno del mercato azionario, secondo Schappelwein sembra probabile una continuazione delle tendenze relative della prima metà dell’anno, con i comparti ciclici come auto, finanza, edilizia e turismo che continueranno probabilmente a sovraperformare, mentre i quelli difensivi come utility, beni di consumo di base e sanità attireranno meno l’attenzione degli investitori.

EUROPA E GIAPPONE HANNO ANCORA STRADA DA FARE

Allargando lo sguardo all’insieme dei Paesi sviluppati, il BlackRock Investment Institute nota che la ripartenza economica globale è stata finora guidata dagli USA, insieme alla Gran Bretagna, in un movimento che sembra stia toccando il picco, mentre vede ancora potenziale di crescita per le economie di altri Paesi sviluppati, come Europa e Giappone, che potrebbero raccogliere il testimone della crescita e continuare a beneficiare del trend della ripartenza. Inoltre, si sottolinea nell’articolo BlackRock sull’azionario Usa: rischio tasse per IT e sanità, small e mid cap al riparo, si tratta di mercati che hanno già regimi di tassazione elevate e sono più regolamentati di quelli americani, per cui sono più al riparo da novità su questi fronti.

ITALIA TORNATA INVESTIBILE

Intanto, come si legge nell’articolo L’outlook di Kairos per il secondo semestre: view positiva su Italia e azionario europeo, gli esperti di Kairos sono convinti che l’Italia sia tornata investibile e prestano attenzione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ai criteri di spesa del Recovery Fund, e alla tipologia di riforme che verranno poste in essere. Allargando lo sguardo all’azionario europeo, Kairos ritiene che sia pur di misura sembri la migliore area geografica tra i mercati sviluppati. In particolare Germania, Italia, Svezia hanno finora guidato il rialzo i finanziari e alcuni ciclici sono i migliori settori. Reflazione, riaperture e cyclical value sono stati tra i temi di successo.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli