Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.857,89
    +1.309,47 (+3,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Sfruttare la ripresa cinese 2.0, la strategia J.P. Morgan AM

Redazione
·3 minuto per la lettura
Sfruttare la ripresa cinese 2.0, la strategia J.P. Morgan AM
Sfruttare la ripresa cinese 2.0, la strategia J.P. Morgan AM

La Cina guida la ripresa post pandemia, con un’economia che mette già in luce segnali di ripresa. Investire nelle azioni cinesi di classe A può essere una scelta vincente proprio per sfruttare al meglio la ripartenza del gigante asiatico

Il mercato è ancora inesplorato e, quindi, offre delle interessanti opportunità da cogliere. Le azioni cinesi di classe A, conosciute anche come A-Shares, comprendono titoli delle società quotate a Shanghai e Shenzhen. Si tratta di un panorama di investimento molto diversificato e non ancora così conosciuto dagli investitori internazionali. L’inserimento nell’indice MSCI dal 2018, per J.P. Morgan Asset Management apre alla possibilità di assistere a consistenti afflussi in futuro su questo segmento.

LE AZIONI CINESI DI CLASSE A

Chi investe ricerca sempre la performance. Anche per questo il mercato cinese delle azioni di classe A può essere un comparto interessante da considerare. Le A-Shares, infatti, offrono diversi vantaggi per gli investitori. Prima di tutto rappresentano un mercato liquido e ampio. A fine 2017, il mercato delle azioni di classe A conteneva più titoli con liquidità giornaliera superiore a 10 milioni di dollari, rispetto a tutti i mercati emergenti messi assieme.

DIVERSIFICAZIONE E BASSA CORRELAZIONE

“Le A-Shares presentano una migliore diversificazione settoriale rispetto al mercato offshore dei titoli quotati a Hong Kong”, spiegano gli analisti di J.P. Morgan Asset Management che confronta l’indice domestico delle azioni di classe A, il CSI 300, rispetto al più ampio MSCI China. Altro vantaggio è rappresentato dalla bassa correlazione: il mercato delle azioni di classe A mostra bassi livelli di correlazione con le altre tipologie di azioni cinesi.

L’AMPIEZZA DEL MONDO INESPLORATO

Da considerare in ottica investimento anche perché il comparto delle A-Shares è il secondo mercato azionario a livello globale per capitalizzazione, considerando le Borse di Shanghai e Shenzhen, dopo quello statunitense. Il 75% dei volumi sono in mano a investitori retail, solo un parte più piccola, il 3%, è detenuta da investitori esteri.

INVESTIRE SULLA RIPRESA CINESE

Tra le soluzioni per sfruttare le opportunità che le azioni di classe A cinesi presentano, JP Morgan Funds - China A-Share Opportunities Fund offre la possibilità di vedere crescere il proprio capitale nel lungo periodo investendo principalmente in società cinesi. Il fondo è gestito da un team esperto e basato sul posto, in grado di ricercare le migliori idee senza vincoli di benchmark e scegliendo aziende di qualità con un elevato potenziale di crescita nel lungo termine.

I TRE TREND STRUTTURALI

L’universo delle azioni cinesi di classe A è vasto. J.P. Morgan Asset Management, grazie al suo team di 20 professionisti, 14 dei quali analisti di ricerca specializzati nei titoli di questa area geografica, con in media 15 anni di esperienza nel settore, individua principalmente opportunità su tre trend strutturali: evoluzione dei consumi interni cinesi verso beni più sofisticati, maggiore enfasi sulla salute e, infine, tecnologia e automazione. Tre pilastri che guideranno il gigante cinese verso una ripresa post-Covid che, già oggi, è più avanzata che nel resto del mondo.