Italia markets open in 2 hours 32 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.664,65
    +97,61 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,1851
    +0,0022 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    10.339,41
    +992,01 (+10,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    245,96
    +7,05 (+2,95%)
     
  • HANG SENG

    24.747,93
    +178,39 (+0,73%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Shell prevede fino a 9.000 tagli a posti di lavoro in piano transizione energia

di Ron Bousso
·1 minuto per la lettura
Il logo Royal Dutch Shell presso una stazione di servizio a Buenos Aires, in Argentina
Il logo Royal Dutch Shell presso una stazione di servizio a Buenos Aires, in Argentina

di Ron Bousso

LONDRA (Reuters) - Royal Dutch Shell ha annunciato l'intenzione di tagliare fino a 9.000 posti di lavoro, oltre il 10% del proprio personale, nell'ambito di un'importante riorganizzazione per il passaggio verso forme d'energia a basse emissioni di carbonio.

Shell, che a fine 2019 contava 83.000 dipendenti, ha detto la riorganizzazione condurrà a risparmi annuali addizionali tra circa 2 miliardi e 2,5 miliardi di dollari entro il 2022, al di là dei tagli dei costi già annunciati quest'anno, previsti tra 3 e 4 miliardi di dollari.

Il titolo Shell sulla borsa di Londra scambia in ribasso dell'1% nelle prime ore della sessione.

Il mese scorso l'azienda ha lanciato un'ampia revisione delle proprie attività, puntando al taglio dei costi in vista della ristrutturazione delle proprie operazioni, in un progetto di transizione a forme d'energia a basse emissioni di carbonio.

La società anglo-olandese prevede di tagliare tra 7.000 e 9.000 posti di lavoro entro la fine del 2022, inclusi circa 1.500 dipendenti che hanno accettato quest'anno esodi volontari.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)