Italia markets close in 2 hours 37 minutes
  • FTSE MIB

    19.044,68
    -41,27 (-0,22%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,13
    +0,10 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    10.865,26
    +1.535,85 (+16,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    259,23
    +14,34 (+5,85%)
     
  • Oro

    1.908,00
    -21,50 (-1,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1830
    -0,0037 (-0,31%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.168,53
    -12,17 (-0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,9022
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CHF

    1,0724
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5562
    -0,0018 (-0,11%)
     

Shell taglierà 9000 posti per abbattere costi di 2,5 mld dollari

BOL
·2 minuti per la lettura

Roma, 30 set. (askanews) - Il colosso petrolifero anglo-olandese Royal Dutch Shell ha annunciato fino a 9.000 tagli di posti di lavoro come parte di un'opera di ristrutturazione stimolata dalla pandemia e mentre il comparto energetico si rimodella per una transizione verso combustibili più puliti. L'amministratore delegato Ben van Beurden ha dichiarato mercoledì per rendere Shell - che aveva 83.000 dipendenti alla fine del 2019 - un'organizzazione più semplice saranno tagliati i costi fino a 2,5 miliardi di dollari entro il 2022. "Gran parte del risparmio sui costi per Shell deriverà dal minor numero di persone - ha detto Van Beurden in una dichiarazione sul sito internet di Shell riportata dal Financial Times - .Abbiamo esaminato da vicino come siamo organizzati e riteniamo che, in molti luoghi, abbiamo troppi livelli in azienda: troppi livelli tra me, in qualità di CEO, e gli operatori e i tecnici delle nostre sedi", Negli ultimi mesi Shell ha passato al vaglio tutte le sue attività per aumentare il suo gradop di resilienza finanziaria, ma anche per prepararsi meglio al passaggio a imprese energetiche a basse emissioni di carbonio. Entro la fine del 2022, dunque, sono previste riduzioni di posti di lavoro comprese tra 7.000 e 9.000, comprese 1.500 persone che hanno scelto di andare in esubero volontario. Le società energetiche hanno visto gli utili precipitare mentre l'epidemia di coronavirus e le misure per frenarne la diffusione da parte dei governi hanno colpito la domanda di petrolio e prezzi. In un aggiornamento sulle sue attività, Shell ha specificato che la produzione di petrolio e gas scenderà nel terzo trimestre a poco più di 3 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno, anche perchè la pandemia, insieme agli uragani stagionali, ha costretto le piattaforme offshore a chiudere.