Italia markets open in 5 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.658,38
    -89,76 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,0725
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    27.618,23
    +241,34 (+0,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    660,32
    +4,49 (+0,69%)
     
  • HANG SENG

    20.112,10
    -357,96 (-1,75%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     

Shoah, indagine Studenti.it: per 87% olocausto crimine più atroce della storia contemporanea

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - L'olocausto è il crimine contro l’umanità più atroce della storia contemporanea. E' l'opinione espressa dall'87% dei 36mila ragazzi e ragazze che hanno partecipato a un sondaggio organizzato da Studenti.it in occasione della Giornata della memoria. I giovani italiani hanno consapevolezza di ciò che è stato l’olocausto? E’ un crimine che potrebbe accadere di nuovo? Questi gli interrogativi posti.

Conosce la ricorrenza della Giornata della memoria, che si celebra il 27 gennaio, l'83% degli intervistati, mentre la ignora il 13%. Il restante 4%, pur sapendo di cosa si tratta, ritiene che sia esagerato riparlarne ogni anno. L'olocausto è il crimine contro l’umanità più atroce della storia contemporanea secondo l’87%. Per il 5% si è trattato di un evento che può accadere quando si è in guerra; per il 4% è stato un fatto grave ma, secondo loro, è stato ingigantito mentre il restante 4% ritiene che non sia un evento realmente accaduto.

Il 14% degli intervistati ritiene che l'olocausto sia un crimine che possa ripetersi, mentre ha risposto di no il 15%. E’ possibilista il 22% mentre il restante 49% pensa che eventi analoghi siano già accaduti in altri paesi in tempi recenti.

Leggi il sondaggio su studenti.it.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli