Italia markets open in 5 hours 37 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.548,55
    -114,95 (-0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2038
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    41.083,21
    +2.442,88 (+6,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    990,10
    +61,87 (+6,67%)
     
  • HANG SENG

    29.718,66
    +266,09 (+0,90%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Fermato il fidanzato della 17enne uccisa in un burrone, indagato per omicidio

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Pietro Morreale /Roberta Siragusa (Photo: Facebook)
Pietro Morreale /Roberta Siragusa (Photo: Facebook)

È andato avanti per tutta la notte e si è concluso solo all’alba l’interrogatorio di Pietro Morreale, il 19enne che ieri mattina, dopo essersi presentato ai carabinieri di Caccamo, ha fatto trovare in un burrone il corpo parzialmente bruciato della fidanzata Roberta Siragusa, di 17 anni. Davanti al sostituto procuratore della Repubblica di Termini Imerese Giacoma Barbara, che coordina l’inchiesta, l’indiziato si è avvalso della facoltà di non rispondere e non ha confessato di essere il responsabile della morte della fidanzata. Ieri sera l’avvocato Giuseppe Di Cesare, che assiste Morreale, aveva detto: “Il mio assistito non ha confessato né al Pm né ai carabinieri”.

Pietro Morreale è ora indagato per omicidio e occultamento di cadavere. Per lui è stato disposto il fermo.

Una vita spezzata a soli 17 anni quella di Roberta Siragusa, di Caccamo, capelli castani che le incorniciano il volto e uno sguardo intenso. Il suo corpo era nelle campagne di Monte San Calogero. Una zona impervia del palermitano, difficile da raggiungere. “La mia fidanzata è morta, vi porto sul luogo dove si trova”, ha detto Pietro dopo essersi presentato ai carabinieri accompagnato dal padre. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno recuperato il corpo della ragazza, gli specialisti della scientifica e il medico legale. Solo l’autopsia, che dovrebbe essere eseguita tra martedì e mercoledì, potrà dare una risposta certa sulle cause della morte.

Il magistrato ha ascoltato in caserma anche una decina di giovani, per lo più coppie, in qualità di testimoni. Avrebbero partecipato, insieme ai due fidanzati, a una festa che si è svolta sabato sera, in aperta violazione delle norme anti Covid, in una villetta nella zona di Monte San Calogero, a poca distanza dal luogo dove è avvenuto il ritrovamento del c...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.