Italia markets close in 4 hours 21 minutes
  • FTSE MIB

    21.791,67
    -309,56 (-1,40%)
     
  • Dow Jones

    30.946,99
    -491,31 (-1,56%)
     
  • Nasdaq

    11.181,54
    -343,06 (-2,98%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • Petrolio

    112,61
    +0,85 (+0,76%)
     
  • BTC-EUR

    19.044,74
    -1.019,00 (-5,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,25
    -15,81 (-3,51%)
     
  • Oro

    1.826,00
    +4,80 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,0533
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    3.821,55
    -78,56 (-2,01%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.501,73
    -47,56 (-1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8656
    +0,0030 (+0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0008
    -0,0108 (-1,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3539
    -0,0084 (-0,62%)
     

Siccità, Cia: con Po in secca a rischio 50% produzione agricola

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 giu. (askanews) - Con il fiume Po in secca, è ufficialmente crisi idrica, come non si vedeva da 70 anni. A lanciare l'allarme è la Cia, che sottolinea come, senza acqua, sia a rischio fino al 50% della produzione agricola e zootecnica del Bacino padano, tra i più importanti d'Italia. Inoltre, l'emergenza coinvolge anche famiglie e industrie dell'area, con l'ipotesi di razionamenti, compreso il comparto turistico, ora in piena stagione balneare. Tra le soluzioni più immediate, gli agricoltori potrebbero dover fare i turni d'irrigazione e i cittadini accettare di non avere acqua di notte. Questo al Nord come al Sud, stando ai livelli bassi di fiumi come il Palantone, il Sesia e i Bacini dal Parma al Trebbia, il Tevere e l'Arno, l'Ombrone e il Garigliano, ma anche agli invasi di Basilicata, Puglia, Sardegna.

Per Cia-Agricoltori Italiani, tutto il Paese è a un punto di non ritorno e "serve un intervento rapido per realizzare una vera rete di nuovi invasi e laghetti, diffusi sul territorio, per l'accumulo e lo stoccaggio di acqua in caso di siccità". Il problema riguarda comunque tutta Italia, dove sta mancando la pioggia da settimane e non è prevista nei prossimi giorni, le temperature toccano anche 4 gradi sopra la media stagionale e le scorte idriche sono a zero.

Il fiume Po, arrivato anche a -8,08, desta le preoccupazioni maggiori e che arrivano fino alla Pianura di Ferrara con il Bacino più importante d'Italia da 600 milioni di metri cubi nel 2021, vitali per un intero ecosistema e non solo per l'agricoltura, che qui è rappresentata da più di 6 mila aziende per 170 mila ettari di terreno.

Con danni complessivi destinati a superare un miliardo di euro, se non pioverà neanche sulle Alpi "si può già dire addio al pomodoro tardivo così come a molte orticole, la cui coltivazione, vista la mancanza di acqua necessaria per irrigare, non può neanche essere avviata. Per meloni e cocomeri si prevede, invece, una riduzione tra il 30% e il 40% che arriva al 50% per il mais e la soia, produzioni il cui mercato è già ampiamente sotto stress per via della guerra in Ucraina", spiega Cia.

"Enti e istituzioni, con le organizzazioni agricole, devono necessariamente sedersi a un tavolo per valutare strategie concrete di contenimento - spiega il presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini - Bisogna pensare a una bacinizzazione del Po, come avviene nel Nord Europa, in Belgio. Abbiamo perso almeno 20 anni e ora intervenire è solo questione di buon senso, a garanzia della sicurezza alimentare, ma anche delle filiere produttive, della biodiversità e del paesaggio, e soprattutto dei cittadini. Non è un'emergenza solo dell'agricoltura. L'acqua è una risorsa strategica e il Pnrr deve fare di più - conclude Fini - oltre gli 800 milioni di euro previsti per gli interventi irrigui".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli