Italia markets open in 3 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.830,69
    -40,58 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0582
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    19.541,89
    -576,21 (-2,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    449,10
    -12,69 (-2,75%)
     
  • HANG SENG

    22.034,16
    -195,36 (-0,88%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Sicim torna a operare in Italia: 4 progetti ammodernamento rete gas

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - Sicim, azienda di dimensioni mondiali nella progettazione, approvvigionamento e costruzione di impianti e infrastrutture per trattamento, trasporto e distribuzione di petrolio, gas e acqua con sede a Busseto (PR), ritorna a operare in Italia dopo 12 anni con quattro nuovi progetti, di cui due da Ravenna a Fano e due da San Benedetto del Tronto a Chieti, dal valore complessivo di circa 300 milioni di euro. Lo rende noto l'azienda in un comunicato.

I lavori di costruzione, il cui inizio è previsto per luglio di quest'anno, sono stati aggiudicati con gara pubblica da Snam, il principale operatore europeo nel trasporto e nello stoccaggio di gas naturale, a Sicim quale mandataria di raggruppamento temporaneo di imprese (R.T.I.) allo scopo costituito. Per l'esecuzione Sicim si occuperà della parte relativa alla costruzione, alla rimozione della condotta esistente, incluso la gestione ed il recupero del relativo materiale ferroso, e dei ripristini finali.

"Le ultime attività in Italia di Sicim risalgono a 12 anni fa, nel 2010, con il completamento del nuovo metanodotto Martirano - Morano Calabro, che ha attraversato la tratta Rende - Tarsia e Tarsia - Morano Calabro, per un totale di 75 km di estensione ed un diametro di 48 pollici. Questo nuovo progetto per noi è molto importante ed è indice della nostra volontà di tornare a operare nel nostro Paese di origine: ci fa fare un salto indietro nel tempo, quando, proprio sessant'anni fa, Sicim cominciava la sua collaborazione con Snam che ci ha portato ad eseguire progetti ovunque in Italia" afferma Guido Cagnani, Managing Director e Vicepresidente di Sicim.

Oltre alla linea principale di 175 km e diametro 26 pollici, verranno realizzati 56 km di allacciamenti e ricollegamenti alla rete di metanodotti esistente. I lavori vedranno il coinvolgimento di 400 persone e di un centinaio di mezzi e attrezzature. Previste inoltre 200 nuove assunzioni.

"Tra le sfide del progetto rientrano principalmente le condizioni complesse che il territorio italiano presenta, per le quali Sicim ha maturato l'esperienza necessaria operando in tutto il mondo e in tutti gli scenari possibili" afferma Leonardo Gravina, General Manager di SICIM. "Lungo le aree attraversate si incontrano strade, ferrovie, corsi d'acqua. Per questo motivo, in alcuni tratti, si farà ricorso a tecnologie cosiddette "trenchless" o "no dig", ovvero quelle tecniche di scavo non tradizionali che consentono la posa in opera di tubazioni e cavi interrati senza avvalersi di scavi a cielo aperto, permettendo una riduzione degli impatti sull'ambiente, sulle strutture superficiali e sulle infrastrutture di trasporto".

Infatti, 44 km di linea saranno installati senza scavi, ma con 40 trivellazioni orizzontali controllate (TOC), ossia tramite la perforazione del terreno mediante aste perforanti che predispongono la percorrenza della condotta da posare e 24 attraversamenti in Microtunnel. Con questa tecnologia lo scavo è eseguito mediante uno scudo fresante, controllato in remoto, che avanza a spinta nel terreno, seguito da conci tubolari in calcestruzzo all'interno dei quali la condotta del gas sarà installata.

Inoltre, più di 200 attraversamenti saranno realizzati utilizzando trivelle spingitubo in cui il tubo casing in acciaio è infisso nel terreno mediante la pressione esercitata da martinetti oleodinamici posizionati all'interno della postazione di spinta. Il termine della commessa, comprensiva della sostituzione di una linea esistente, è prevista per il 2025.

Fondata nel 1962 dalla famiglia Riccardi, Sicim è leader mondiale nella progettazione, approvvigionamento e costruzione di impianti ed infrastrutture per trattamento, trasporto e distribuzione di petrolio, gas e acqua. Con 26 basi nel mondo e 7000 dipendenti, Sicim si impegna costantemente per un continuo perfezionamento delle procedure operative, così da poter garantire migliori risultati e un corretto approccio a tutti i tipi di problemi esistenti nel mercato EPC (Engineering, Procurement and Construction).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli