Italia markets open in 40 minutes
  • Dow Jones

    33.587,66
    -681,50 (-1,99%)
     
  • Nasdaq

    13.031,68
    -357,75 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    42.258,60
    -5.442,30 (-11,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.400,86
    -162,97 (-10,42%)
     
  • HANG SENG

    27.825,54
    -405,50 (-1,44%)
     
  • S&P 500

    4.063,04
    -89,06 (-2,14%)
     

Silvestri: “Vaccini a mRNA importante rivoluzione che ci farà uscire dal Covid”

·1 minuto per la lettura
Silvestri vaccini mRNA
Silvestri vaccini mRNA

L’immunologo della Emory University di Atlanta Guido Silvestri ha affermato che i vaccini a mRNA (quelli di Pfizer e Moderna) “ci stanno tirando fuori dal Covid e probabilmente rappresentano una vera e propria rivoluzione che permetterà di combattere altre importanti malattie infettive“.

Silvestri sui vaccini a mRNA

Secondo l’esperto, intervistato dal Corriere della Sera, la tecnologia dà infatti l’opportunità al sistema immunitario di concentrarsi soltanto sull’antigene contro cui si vuole che si attivi (in questo caso la Spike) e nient’altro. Quanto invece ai sieri basati sul vettore virale (come Johnson & Johnson e AstraZeneca), e ai rari eventi trombotici dopo la somministrazione, ha evidenziato che probabilmente la reattività immunitaria innescata dal vaccino coinvolge elementi del vettore adenovirale piuttosto che la proteina Spike comune a tutti gli antidoti. Per questo a suo dire bisognerebbe investire sulla tenologia a mRNA.

In ogni caso anche i vaccini a vettore virale hanno una frequenza di eventi avversi bassissima e dunque il rapporto tra costo e beneficio è del tutto a favore del ricorso ad essi. Quanto infine alla possibilità di dover fare un richiamo anti Covid ogni anno a causa delle varianti, ha evidenziato che si tratta di una prospettiva molto reale.

Per quanto i vaccini a Rna sembrino molto efficaci contro le tre varianti di Sars-CoV-2 meglio studiate, ha concluso, è infatti possibile non solo che nuove varianti emergano ma che la durata dell’immunità sia in questi casi più breve.