Italia markets close in 1 hour 35 minutes
  • FTSE MIB

    20.395,47
    -457,20 (-2,19%)
     
  • Dow Jones

    29.254,08
    -429,66 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    10.783,63
    -268,00 (-2,43%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • Petrolio

    81,62
    -0,53 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    19.531,42
    -290,85 (-1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,44
    -11,55 (-2,59%)
     
  • Oro

    1.659,90
    -10,10 (-0,60%)
     
  • EUR/USD

    0,9737
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    3.652,07
    -66,97 (-1,80%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.280,83
    -54,47 (-1,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8860
    -0,0081 (-0,90%)
     
  • EUR/CHF

    0,9558
    +0,0060 (+0,63%)
     
  • EUR/CAD

    1,3344
    +0,0103 (+0,77%)
     

Silvia Romano, Al-Shabaab: “Mai rilasciate interviste”

·1 minuto per la lettura
silvia romano Al-Shabaab interviste
silvia romano Al-Shabaab interviste

Al-Shabaab, il gruppo di terroristico che ha sequestrato e detenuto per 18 mesi Silvia Romano , ha smentito di aver rilasciato interviste al quotidiano La Repubblica sul caso del rilascio della giovane volontaria italiana. Lo scorso 12 maggio il giornale aveva pubblicato alcune dichiarazioni rilasciate dal portavoce somalo di Al-Shabaab, Ali Dehere, ma oggi sul sito SomaliMemo, uno dei canali di comunicazione utilizzato dagli jihadisti, si apprende della smentita da parte del gruppo terroristico. “Non abbiamo mai dato alcuna intervista a La Repubblica – scrivono i referenti dell’organizzazione – Non c’è stata infatti nessuna intervista del portavoce con nessun media sul caso Romano”. Il gruppo terroristico accuserebbe dunque indirettamente Repubblica di aver pubblicato una notizia falsa e faziosa sull’operazione Silvia Romano.

Al-Shabaab smentisce l’intervista a Repubblica

I terroristi nello specifico tornano sulla questione del pagamento del riscatto per la liberazione di Silvia Romano. Dehere, stando a quanto riportato nell’intervista di Repubblica, aveva affermato che l’ingente somma di denaro sarebbe stata spesa per finanziare la jihad.

Quelle dichiarazioni sono state ora negate da Al-Shabaab che sostiene che “i soldi in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per combattere la jihad. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l’ordine e fanno rispettare le leggi del Corano”.