Italia markets open in 3 hours 53 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.418,19
    +121,33 (+0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,1929
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.026,65
    -640,12 (-4,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    349,13
    -21,39 (-5,77%)
     
  • HANG SENG

    26.677,54
    +7,79 (+0,03%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Silvia Romano e il giallo del presunto riscatto da 4 milioni

·2 minuto per la lettura
Silvia Romano
Silvia Romano

Dopo un anno e mezzo dal rapimento finalmente Silvia Romano è libera ed è arrivata in Italia. A dare l’annuncio della sua liberazione era stato lo stesso premier Conte che attraverso un tweet aveva voluto ringraziare l’intelligence per l’operazione svolta.

Riscatto di 4 milioni?

Silvia Romano è atterrata oggi pomeriggio a Ciampino con addosso una veste islamica di colore verde. Ad accoglierla, oltre ai familiari, anche il premier Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Dopo aver ottenuto la prova che la Romano fosse viva, era stato dato il via alla trattativa per la sua liberazione. Una trattativa entrata nel vivo verso metà aprile, fino al via libera giunto grazie alla mediazione dei turchi. Agli 007 che erano già sul posto si sono in seguito aggiunti altri specialisti partiti da Roma e venerdì sera è avvenuto lo scambio.

In base alle prime indiscrezioni si è ipotizzato di cifre pari a 1-2 milioni di euro per il riscatto. Il Giornale, però, cita dei funzionari vicini al ministro degli Esteri somalo, Ahmed Isse Awad, secondo i quali l’Italia avrebbe pagato ai rapitori una cifra vicina i 4 milioni di euro. Al momento, però, non vi sono state ancora conferme ufficiali in merito.

Ad intervenire sull’argomento anche il leader della Lega Matteo Salvini che a “Mezz’ora in più”, su Rai 3, ha dichiarato: “Greta e Vanessa, una volta liberate dissero subito: ‘noi torneremo là’…Credo che fosse il caso di pensarci un po’… È chiaro che nulla accade gratis ma non è il momento di chiedere chi ha pagato cosa. Io ho visto come lavorano le nostre forze dell’ordine e porto enorme rispetto verso chi corre rischi, penso all’agente Apicella. Prima di fare cose che mettono a rischio la vita di donne e uomini delle forze dell’ordine, in Italia e all’estero, pensarci cento volte”.