Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2130
    +0,0047 (+0,39%)
     
  • BTC-EUR

    30.159,66
    -13,33 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    726,66
    +11,47 (+1,60%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

Sinagra: le prime parole sulla scomparsa del Pibe de Oro

·2 minuto per la lettura
cristiana sinagra morte maradona
cristiana sinagra morte maradona

Cristiana Sinagra, ovvero colei che ha dato a Diego Armando Maradona un figlio che porta il suo stesso nome, ha parlato della sua morte improvvisa. La donna si è scagliata contro quanti collegano la sua scomparsa alla dipendenza dalla cocaina: il Pibe de Oro non la assumeva da anni.

Cristiana Sinagra: la morte di Maradona

Diego Armando Maradona è morto il 25 novembre 2020 a causa di un arresto cardiocircolatorio. La sua scomparsa improvvisa ha lasciato il mondo intero senza parole. El Pibe de Oro ha avuto una vita di eccessi, impossibile negarlo, ma è considerato da tutti il calciatore del popolo. Cristiana Sinagra, ovvero la donna napoletana che gli ha dato un erede che porta il suo stesso nome, ha rilasciato un’intervista al Corriere e si è scagliata contro quanti credono che la sua morte sia da ricollegare alla dipendenza dalla cocaina. Ha dichiarato:

“Provo rabbia a sentire anche oggi giudizi su di lui. Dicono che è morto per la cocaina, ma questa gente lo sa che non ne assumeva più da anni? Conosce realmente il suo vissuto, i suoi problemi, la sua depressione? No, e allora abbiano la compiacenza di stare zitti. Rispettino il nostro immenso dolore“.

Cristiana è giustamente provata per la scomparsa del padre di suo figlio e non accetta che, anche in una circostanza delicata come questa, vengano dette cattiverie. La Sinagra e Maradona hanno avuto una storia che ha visto la nascita di Diego Armando Jr. Il calciatore, però, ha riconosciuto legalmente il figlio solo nel 2007, dopo una lunga battaglia legale. La donna ha dichiarato:

“Il nostro legame nacque in maniera lenta, si può dire? Sì, la sensazione fu quella di sentirmi cullata verso l’infinito. Ci ritrovammo insieme quasi senza accorgercene. È stata una grande passione, un legame forte nato piano piano. Chiacchierando, guardandoci negli occhi. Prendendoci anche tanto in giro. Sicuramente ho sofferto, ma tante cose dette e scritte su di noi non sono vere. Fui io ad allontanarmi, quando capii che aveva attorno troppe persone che ci ostacolavano. Intuii che il mondo che lo circondava era troppo grande per non travolgerlo, e non lasciare spazio al nostro amore. Lui andò via per il Mondiale, dopo ci siamo anche sentiti qualche volta. Sapeva che ero incinta, Diego lo avevamo voluto insieme”.

Cristiana deve farsi forza, soprattutto per il figlio Diego Armando Jr, ricoverato in ospedale perché positivo al Coronavirus.