Italia markets close in 4 hours 6 minutes
  • FTSE MIB

    22.302,61
    +101,17 (+0,46%)
     
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,58
    -0,13 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    14.166,72
    -245,83 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    330,15
    -40,36 (-10,89%)
     
  • Oro

    1.808,90
    -2,30 (-0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1919
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,13
    +14,19 (+0,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8945
    +0,0029 (+0,32%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0022 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    -0,0008 (-0,05%)
     

Sindacati e governo ancora molto distanti su licenziamenti e cassa integrazione

·1 minuto per la lettura

AGI - Si è concluso stanotte "senza un nulla di fatto" il confronto tra Cgil, Cisl, Uil e il Governo, rappresentato dalla ministra del lavoro Catalfo e dal ministro dell'economia Gualtieri, sulla proroga della cassa integrazione ed il blocco dei licenziamenti. "Molto distanti", definiscono i sindacati in una nota unitaria "le posizioni espresse dalle parti".

Dopo alcune ore di trattativa, protrattasi sino a notte fonda, Cgil, Cisl, Uil "hanno valutato insufficiente la proposta del Governo ed hanno proposto una soluzione in cui le ulteriori 18 settimane di Cassa Integrazione annunciate dal Governo e il blocco dei licenziamenti devono camminare di pari passo".

La ministra Catalfo e Il ministro Gualtieri, sulla proposta avanzata dai sindacati, hanno rinviato al Presidente del Consiglio e al Governo nella sua interezza una decisione al proposito. Cgil, Cisl, Uil, dunque, "ritengono necessaria e utile a questo punto una convocazione da parte del Presidente del Consiglio e attendono l'avvio, in tempi brevissimi, di un tavolo a Palazzo Chigi su questo capitolo, sulla riforma degli ammortizzatori sociali, sulle politiche attive del lavoro, sulla manovra economica e sui fondi europei".