Italia markets open in 1 hour 53 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1718
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    39.033,91
    -2.151,05 (-5,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.143,58
    -81,95 (-6,69%)
     
  • HANG SENG

    23.955,18
    -965,58 (-3,87%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Smart working addio? Aziende premono per il ritorno al lavoro in presenza

·1 minuto per la lettura

Il ritorno al lavoro in presenza è fortemente caldeggiato dalle aziende come emerge da una nuova ricerca condotta da Opinion Matters per conto di Ricoh coinvolgendo 1.500 decision makers di tutta Europa. Le aziende stanno definendo le modalità lavorative per i prossimi mesi e molte sembrano propense, se le restrizioni dovute al Coronavirus lo consentiranno, a promuovere il lavoro in presenza. La decisione di tornare, almeno in parte, all’ufficio tradizionale non è legata alla mancanza di una produttività adeguata quando si lavora da remoto; infatti, solo il 19% dei manager europei (una percentuale che scende al 17% nel campione italiano) afferma che i livelli di efficienza siano diminuiti da quando è stato introdotto il Remote Working. Ma come mai i manager incoraggiano allora il ritorno in ufficio? Il 33% del campione italiano (media europea: 25%) teme che nel lungo periodo il lavoro da remoto possa avere un impatto negativo sulla creatività e sull’innovazione. Inoltre, il 30% degli intervistati a livello europeo (28% in Italia) teme che esso possa danneggiare il morale e il benessere dei dipendenti a causa di un crescente senso di isolamento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli