Italia markets open in 7 hours 38 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.380,37
    -105,43 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1783
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    11.624,77
    +65,06 (+0,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,88
    +9,59 (+3,67%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Smart working, cosa cambia con il Dpcm

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Con il Dpcm “abbiamo mantenuto l’impianto dei decreti precedenti con la normativa che prevede che siano i dirigenti a individuare le attività da svolgere da qui a fine anno da remoto. Poi dipende dal livello di digitalizzazione e dal tipo di attività e all’interno di quelle che possono farlo si mette almeno il 50% del lavoro da remoto, per arrivare da gennaio al 60% con i piani organizzativi, i Pola". Lo ha detto il ministro della pubblica amministrazione, Fabiana Dadone.

"Un conto è stato lo smart working emergenziale durante il lockdwon, che comunque è servito a garantire i servizi quando il Paese era fermo ed ha rappresentato una riorganizzazione in una fase complessa che ha cmq permesso di tenere in piedi i servizi. Altra cosa accade in questa fase successiva: ora le imprese sono aperte e hanno bisogno del supporto della Pubblica amministrazione", ha aggiunto.

"Questa modalità di lavoro si basa sugli obiettivi e deve garantire un rapporto regolare delle imprese con la Pa. Inoltre voglio ricordare che sono stati sottoscritti protocolli di sicurezza per tutelare i lavoratori che entrano negli uffici", ha concluso.