Italia markets open in 8 hours 48 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • BTC-EUR

    40.554,21
    -705,89 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,61%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,96 (+1,03%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Smartphone, in primi 6 mesi in Europa Xiaomi al top con +61% vendite

·1 minuto per la lettura

Con 12,7 milioni di telefonini venduti e un aumento annuo del 67% Xiaomi, secondo l'ultimo rapporto di ricerca pubblicato da Strategy Analytics, conquista la vetta del mercato europeo raggiungendo una quota di mercato pari al 25% per le consegne di smartphone in Europa. Un mercato peraltro che ha registrato una forte crescita su base annua del 14% con 50 milioni di unità vendute. Alle spalle del gruppo cinese, con 12 milioni di unità i coreani di Samsung (con un calo del 7 %) mentre Apple è terza con 9,6 milioni (+15,7%)

"Siamo estremamente orgogliosi di aver toccato per la prima volta questo ambizioso traguardo. Con quasi 13 milioni di unità spedite nel continente, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, ovvero quello di sorpassare Samsung diventando il più grande vendor" ha dichiarato Ou Wen, General Manager, Western Europe di Xiaomi. "Le ragioni del nostro grande successo sono dovute ad un approccio in termini di marketing e strategia di vendita vincente, che ha creato fedeltà al brand e ha reso Xiaomi parte della vita quotidiana dei suoi Fan e utenti. Abbiamo riscontrato un grande successo in molti paesi europei e vogliamo continuare in questa direzione, lavorando con costanza e passione per portare i nostri prodotti innovativi a più persone in tutto il mondo” .

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli